Sono giorni difficili a Castel Volturno per la squadra diretta da mister Mazzarri. Le due sconfitte consecutive maturate in campionato contro Udinese e Palermo hanno spazzato via quell’atmosfera frizzante che si respirava nell’aria e quell’entusiasmo dei tifosi che cominciavano a crederci per davvero nel miracolo. Ma a questo punto con il doppio passo falso della squadra partenopea e a fronte dei successi del Milan di Allegri, l’attenzione cade sul vero obiettivo del Napoli, la qualificazione in Champions league, possibilmente senza passare per i preliminari, mantenendo dunque almeno l’attuale terzo posto in classifica. La soluzione studiata da mister Mazzarri per le prossime quattro finali del campionato si configura in una sola parola: “Turnover”!

La Champions è a portata di mano e per Mazzarri sarà necessario racimolare almeno 5 punti nelle prossime quattro partite per conquistare almeno il quarto posto, un obiettivo alla portata di questo Napoli che è arrivato a far sognare un’intera città in questo campionato e che si trova, ora, ad un passo dal compiere un’impresa che fino a qualche anno fa sembrava impossibile.

Per conquistare il terzo posto sarà però necessario evitare altri passi falsi nelle prossime partite contro Genoa e Lecce, per poi affrontare con maggiore calma il big match con l’Inter e l’ultima di campionato contro una “lunatica” Juventus. Ci si aspetta una reazione da parte della squadra per affrontare con la dovuta freddezza queste ultime partite, senza finire nel pallone come è accaduto a Palermo sabato scorso, dove si è visto un Napoli privo della necessaria lucidità mentale per affrontare un così veemente avversario. Prima ancora di passare alle scelte tattiche. Sarà dunque compito principale di mister Mazzarri quello di agire sul piano psicologico per restituire le motivazioni ed il coraggio necessari alla squadra che per la prima volta in questo campionato si trova di fronte a una situazione che la vede uscire da due sconfitte consecutive. La reazione di Mazzarri sarà improntata in secondo luogo sul turnover, dovuto non solo ai rientri degli squalificati Cannavaro e Lavezzi, ma anche alla migliore condizione di Zuniga e Yebda in luogo di Maggio (che risente di un fastidio al ginocchio) e di Pazienza o Gargano.

È dunque molto probabile che sabato sera vedremo una formazione in campo modificata per almeno quattro undicesimi, per puntare ad una vittoria necessaria per centrare l’obiettivo Champions. Il Napoli potrà contare sul solito supporto dei suoi tifosi, che anche questa volta hanno risposto alla grande, come dimostrano gli oltre ventimila tagliandi già venduti.