I numeri più attesi sono quelli che certificano il successo alla vigilia del via della prima tappa della Coppa America: le regate della più importante competizione velistica servivano a rilanciare l’immagine della città e a riportare i turisti davanti al Golfo di Napoli e a quanto sembra, in attesa di verificare come si svolgerà l’evento, il secondo obiettivo sembra già stato raggiunto.

A dirlo sono i numeri, quelli che parlano di alberghi pieni al 90%, 185mila arrivi e partenze all’aereoporto di Capodichino e un incredibile quantità di richieste per assistere alle regate in barca. In attesa di tirare i bilanci al termine della settimana di competizione, le anticipazioni fanno ben sperare: il Vesuvio, uno degli alberghi che affaccia su via Partenope, dal 12 aprile in poi ha prenotazioni per 100 suite.

Nei giorni che vanno dal 6 al 16 aprile si preannunciano come detto 185 mila transiti a Capodichino con un picco dall’11 al 16 aprile periodo nel quale ci sarà un aumento del 5% rispetto allo scorso anno. In totale per la Coppa America transiteranno nell’aereoporto partenopeo 95 mila passeggeri su rotte nazionali, 80mila su quelle internazionli e 10mila charter. Numeri confermati anche per il week-end di Pasqua, quando ci saranno 85mila transiti tra arrivi e partenze da Capodichino.

Poi c’è la grande richiesta per poter assistere alle regate via mare: soltanto nella giornata di ieri sono state registrate 500 prenotazioni; in totale da lunedì, giorno di apertura, sono stati occupati 700 posti sulle barche che saranno le uniche a poter entrare nel campo di regata. Per sapere se sarà un successo o meno bisognerà attendere ancora dieci giorni, ma le premesse perché l’obiettivo di rilanciare l’immagine di Napoli sia centrato ci sono tutte.