Coronavirus, Burioni: “Nocivo come in primavera, la situazione peggiora”

Coronavirus, l’allarme del virologo Burioni: “Il Covid è tornato ad essere nocivo come in primavera, la situazione sta peggiorando. Facciamo attenzione”.

coronavirus Burioni
Burioni (Foto: Twitter)

Il noto virologo Roberto Burioni ha lanciato oggi sui propri profili social un nuovo allarme. La situazione Covid sta peggiorando in Italia e bisogna mantenere alta la guardia per evitare effetti disastrosi in questa seconda ondata. In Spagna Madrid è alle prese con un lockdown parziale, Parigi in Francia rischia la chiusura totale delle attività per limitare i contagi. Oggi la Protezione Civile ha comunicato che nel nostro Paese c’è stato un incremento di 2548 nuovi casi rispetto alla giornata di ieri. La soglia dei 2000 casi non veniva superata ormai da tempo, si è tornati su numeri visti soltanto durante il lockdown. 50 ricoveri e ulteriori 11 ingressi in terapia intensiva nelle ultime 24 ore.

LEGGI ANCHE –> CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO NAZIONALE DI OGGI!

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Lazio, si valuta l’obbligo mascherine all’aperto

L’allarme di Burioni: “Coronavirus nocivo come in primavera”

Coronavirus
(via WebSource)

Esplosione di casi in Veneto (+445 contagi), record di casi in Campania (+390), 324 nuovi positivi in Lombardia e 265 nel Lazio. Nessuna Regione italiana resta a zero. Numeri che allarmano anche il professore di Virologia del San Raffaele di Milano, che ha scritto: “Le cose cominciano a mettersi peggio. Vi prego, state attenti, mantenete le distanze, portate le mascherine, evitate luoghi affollati al chiuso, lavatevi le mani. Il virus è lì fuori, infettivo e nocivo come nella scorsa primavera. Dipende tutto da noi”.

Indossare le mascherine, evitare gli assembramenti ed un frequente lavaggio delle mani. Burioni rinnova le precauzioni anti coronavirus: tutto dipende dai cittadini. Ognuno di noi deve scendere in prima linea contro il Covid-19.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, l’app Immuni funzionerà anche in UE

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, stato di emergenza fino al 31 gennaio