Coronavirus, il bollettino dell’1 ottobre: oltre 2500 casi registrati

La Protezione Civile, come di consueto, ha diramato il bollettino relativo all’epidemia di Coronavirus in Italia: i dati dell’1 ottobre.

Coronavirus bollettino
Protezione Civile, bollettino coronavirus

L’Italia sta per entrare in una delle fasi più delicate dell’anno. Dopo aver affrontato il lockdown totale nei mesi di marzo e di aprile, l’epidemia sembra aver attenuato la sua diffusione. L’estate, però, ha portato con sé molti comportamenti irresponsabili da parte di persone e gestori di locali. Gli arrivi dall’estero e i viaggi al di fuori dei confini hanno fatto il resto. Ora, quindi, i dati tornano a salire e si avvicina la stagione dell’influenza.

La situazione, nelle ultime settimane, non ha fatto altro che far sorgere molti dubbi sulla gestione post lockdown dell’epidemia. I numeri parlano chiaro: i dati sono molto simili a quelli registrati nel periodo più critico per il nostro paese. I contagi giornalieri non accennano a diminuire ed, anzi, il rischio è che con l’apertura delle scuole potrebbero addirittura aumentare. Ciò che maggiormente preoccupa è il numero di ricoveri in terapia intensiva. Il dato, infatti, lentamente cresce giorno dopo giorno ed inizia a farsi consistente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chat Instagram e Facebook, da oggi unite: le novità

Coronavirus, i dati del bollettino dell’1 ottobre

Coronavirus bollettino 1 ottobre
Coronavirus bollettino 1 ottobre (Protezione Civile)

I dati di oggi mostrano, ancora una volta, un aumento dei contagi. Sono 2548 casi in 24 ore su 118.236 tamponi effettuati. L’aumento riguarda anche i ricoveri: 50 in più rispetto a ieri. Da segnalare, inoltre, i 24 decessi ed i 1140 guariti. Una curva che sembra stare risalendo abbastanza velocemente e, presto, potrebbe superare anche il picco raggiunto nella fase più delicata del lockdown.

Le strutture ospedaliere, in tutto il paese, iniziano ad attrezzarsi. La fase critica sembra alle porte e, quindi, i reparti Covid stanno riaprendo i battenti. Altre nazioni, invece, stanno adottando dei lockdown parziali, come a Madrid.

LEGGI ANCHE >>> Richiami alimentari, rischio stracchino: la nota del Ministero