Coronavirus Campania, bollettino 11 ottobre: 633 contagi e 2 morti

Coronavirus Campania, il bollettino di oggi 11 ottobre. Dalla Regione arrivano i numeri aggiornati su contagi risultati positivi al tampone, guariti e morti.

Coronavirus Campania bollettino
Bollettino Coronavirus Campania (Regione Campania)

Nella giornata di ieri 10 ottobre la Regione Campania ha registrato per la prima volta un calo nell’incremento dei nuovi casi di coronavirus (clicca qui per il bollettino nel dettaglio). Dal 1 ottobre, la Regione amministrata da Vincenzo De Luca ha raggiunto per la prima volta quota 300 contagi in 24 ore fino ad arrivare al record negativo di 769 positivi registrato appena il 9 ottobre. Come detto, ieri i nuovi casi si sono arrestati a 664 su oltre 9 mila tamponi effettuati. L’Unità di Crisi regionale rassicura ancora sulle disponibilità dei posti letto nelle strutture ospedaliere: nessun allarme, assicurano. Oltre il 90% dei contagiati è asintomatico e in isolamento domiciliare. I pazienti in terapia intensiva negli ospedali della Campania a ieri erano 63, mentre 110 i posti ancora a disposizione.

LEGGI ANCHE –> Napoli, arrestato Massimiliano Esposito: è il capoclan di Bagnoli

LEGGI ANCHE –> Regionali, voto comprato per 30 o 50 euro: indagine in corso

Coronavirus Campania, il bollettino di oggi 11 ottobre

Coronavirus Campania
Coronavirus Napoli (Getty Images)

Intanto, nella giornata di oggi si registrano 633 positivi in Campania, 2 morti e 128 guariti. I tamponi effettuati nelle ultime ventiquattro ore sono 9232 e il totale ammonta adesso a 682.704. Su 110 posti di terapia intensiva complessivi ne sono stati occupati 61, mentre degli 820 posti letto di degenza complessivi il numero totale di quelli occupati è di 664.

🔴COVID-19, IL BOLLETTINO ORDINARIO DELL'UNITÀ DI CRISI DELLA REGIONE CAMPANIAQuesto il bollettino di oggi:Positivi…

Gepostet von Vincenzo De Luca am Sonntag, 11. Oktober 2020

LEGGI ANCHE –> Monte di Procida, Covid test non autorizzato: spunta anche un focolaio

LEGGI ANCHE –> Covid Napoli, grave un medico di medicina generale: il caso