Patentino internet, la ricerca: favorevoli il 55% degli adolescenti

Patentino internet, secondo una ricerca condotta da Generazioni Connesse più della metà dei giovani intervistati sono d’accorso

Patentino Internet
Getty Images

Ormai è sempre più evidente che l’uso scorretto di internet possa causare molti danni. Lo sanno bene anche il 55% degli adolescenti che rispondendo a una sondaggio della Polizia e condotto da Generazioni Connesse ha risposto “sì” al patentino per l’uso del web e dei social.

Sono stati coinvolti 2.475 adolescenti delle scuole secondarie e uno su quattro non si è detto solo favorevole al “patentito” per navigare in rete – così come portare un’auto o uno motorino – ma ritiene addirittura obbligatorio.

Calando con l’età i giovani sono ancora più favorevoli. Infatti nella fascia 11-13 anni, uno su tre è a favore. Oltre all’uso e alla navigazione in generale del web, alcuni fatti di cronaca pongo l’interrogativo da quale età deve essere consentito utilizzare i social.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, decreto di emergenza: pacchetto da 4-5 miliardi per chi chiude

Patentino internet, si pensa anche all’età minima per uso smartphone

Secondo il 40,5% dei ragazzi coinvolti nella ricerca, l’età per avere un account social dovrebbe essere 14 anni mentre il 14,5% darebbe l’accesso dai 16 in poi. Non manca chi reputa 11 anni la giusta età per entrare nel social, il 22,5%.

Pian piano sembra che anche la politica stia andando in questa direzione. Dopo la morte della bambina a Palermo imputata inizialmente a una sfida sui social (anche se le ultime novità dicono il contrario), la Sottosegretaria Sandra Zampa si era detta favorevole alla proposta del senatore di Forza Italia Andrea Cangini, ossia vietare l’uso degli smartphone ai minori di 14 anni.

POTEREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Riapertura di palestre e piscine: la decisione del Cts

Proprio oggi si celebra il SaferInternetDay, la Giornata Mondiale per la sicurezza del web, instituita dalla Commissione Europea nel 2004 e celebrata in oltre cento paesi in tutto il mondo.