Distributori di benzina chiusi di notte: perché e cosa puoi fare

I distributori di benzina chiudono di notte, automobilisti a rischio di non poter fare rifornimento. Il motivo riguarda tutti gli italiani.

Nuovo problema in arrivo per gli italiani, questa volta riguarderà in particolare chi è abituato a guidare di notte. Chi lo fa per lavoro e chi per altri motivi. I distributori di benzina potrebbero essere costretti a chiudere nelle ore notturne: sarà impossibile fare rifornimento dopo una certa ora.

benzina
Distributore di benzina (Pixabay)

Il caro bollette di luce e gas è un problema che gli italiani stanno già sperimentando in queste settimane. L’aumento dei costi è spaventoso, i consumatori hanno trovato cifre da pagare doppie rispetto a quelle solite. Sono gli effetti della pandemia e della difficile situazione in cui ci troviamo. Non soltanto i privati devono far fronte a queste difficoltà sempre maggiori, ma anche le imprese e chi possiede delle attività.

È il caso questo dei distributori di benzina. Le pompe per fare rifornimento – fa sapere Il Giornale – rischiano di dover chiudere negli orari notturni per contenere i costi energetici. Ciò significa che di notte non sarà possibile fare rifornimento di benzina (o diesel o gas) neanche al self service. La chiusura notturna delle pompe porterebbe ad un grosso contenimento dei costi dell’energia elettrica per i benzinai. Molto più di una semplice ipotesi, la Federazione italiana gestori impianti stradali carburanti di Confcommercio (Figisc) dà questa opzione come praticamente certa.

Fare benzina di notte, distributori chiusi: ecco il motivo

benzina
Fare rifornimento di benzina di notte (Pixabay)

I dati della Figisc riferiscono che i costi per i gestori delle pompe di benzina, a parità di consumo di kilowatt, hanno registrato un incremento in bolletta di una volta e mezzo rispetto alle stesse settimane dello scorso anno. Insomma, chi ha pagava in passato 1000 euro per la bolletta della luce, adesso ne pagherà 2500.

LEGGI ANCHE –> Very Mobile regala 5 euro e 220 giga Internet: come attivare l’offerta

Un aumento astronomico e impossibile da reggere per la categoria, costretta a chiudere gli impianti di rifornimento di notte. La delicata situazione geopolitica tra Russia e Ucraina contribuisce ad alimentare un clima di incertezza e preoccupazione per il prezzo di gas ed energia elettrica nei mesi a venire.

LEGGI ANCHE –> Criptovalute in caduta libera: cosa significa questo per il mercato

Il Governo sta mettendo a punto una strategia per venire incontro gli italiani e frenare il caro bollette. Le previsioni diffuse già negli scorsi mesi non fanno dormire sonni tranquilli per chi rischia di ritrovare in bolletta cifre impossibili da pagare a fine mese.