Tinder, stop al servizio: bruttissimo colpo per gli utenti

Tinder dice addio ad un importante servizio: la decisione si rivela un bruttissimo colpo per gli utenti della piattaforma d’incontri

Tinder vuole rivoluzionarsi e per farlo ha deciso di dire stop alle foto, i match d’ora in poi si faranno al buio. L’aggiornamento, già ufficializzato, si diffonderà a breve su tutti i dispositivi.

tinder
tinder (pixabay)

La nuova funzionalità di Tinder prende il nome di Blind Date e, anche se non c’è ancora una data certa, sarà disponibile nelle prossime settimane. Questa sarà inserita nella sezione ‘Esplora’ dell’app. Una volta entrati, bisognerà rispondere ad alcune domande preliminari mentre la piattaforma cerca potenziali match. Appena trovato un profilo, si potrà avviare una chat veloce con l’obiettivo di sbloccare il match. Laddove doveste ottenerlo, potrete vedere il profilo completo dell’altra persone, comprese le foto, e chattare senza alcun limite.

La decisione da parte degli sviluppatori in merito a questa nuova funzione è arrivata dopo un’analisi sulla generazione Z. A quanto pare, per un giovane su tre non conta l’aspetto quando si decide di uscire con qualcuno. Nei test, coloro che hanno utilizzato i match al buio sono riusciti ad ottenere il 40% di match in più rispetto ad altre funzioni di fast chat.

Tinder discrimina? Abbonamenti più alti ai più vecchi

Secondo un report postato dal sito Engadget, Tinder farebbe della discriminazione verso gli utenti via via più ‘vecchi’. Gli abbonamenti della piattaforma, infatti, vanno dai 4 dollari fino a 25,95 e tutti hanno le stesse funzionalità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—> Doppio Reddito di Cittadinanza, ma non per tutti: scopri se ti spetta

La società, per difendersi, ha prontamente ammesso che: “Non addebiterà più agli utenti adulti l’utilizzo di Tinder+, a seguito di un nuovo rapporto che mette in dubbio la pratica dell’app di appuntamenti nell’addebitare costi maggiori agli utenti più in là con l’età”.

LEGGI ANCHE—> Whatsapp, introdotta una grossa chicca: semplificata la vita degli utenti

Allo stesso tempo ammettono di aver stabilito prezzi diversi per incentivare i più giovani e non per penalizzare quelli più adulti. Ad ogni modo, lo stop alla pratica verrà messo in atto entro la fine di metà anno.