Modello 730/2022, spuntano novità: cosa devi sapere prima di compilarlo

L’Agenzia delle Entrate ha introdotto delle novità per quel che concerne il modello 730/2022: scopriamo di cosa si tratta 

Il 730 è il modello per la dichiarazione dei redditi destinato ai lavoratori dipendenti e pensionati. Il modello 730 consente di ottenere numerosi benefici. Il contribuente non deve effettuare calcoli e poi riceverà il rimborso dell’imposta direttamente nella busta paga o nella rata di pensione.

Modello 730/2022
Modello 730/2022 (Fonte: Agenzia delle Entrate)

Invece, qualora debba versare delle somme, queste saranno trattenute dalla retribuzione o dalla pensione. Gli unici contribuenti esonerati sono quelli che hanno esclusivamente redditi da abitazione principale o altri fabbricati non locati, da lavoro dipendente e da pensione corrisposti da un unico sostituto d’imposta. O ancora redditi soggetti ad imposta sostituiva con esclusione della cedolare secca o ritenuta alla fonte.

Modello 730/ 2022: tutto quello che c’è da sapere

Modello 730/2022
Modello 730/2022 (Fonte: Pixabay)

L’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello 730/2022 relativo all’anno di imposta 2021 ed ha pubblicato una guida per compilare in modo corretto il modello. Stiamo parlando dell’ordinario modello per la dichiarazione dei redditi destinato a lavoratori dipendenti e pensionati. In esso vanno indicate anche le spese detraibili, per il nuovo anno, però, sono previste alcune novità. Prima di tutto, è prevista una riduzione della pressione fiscale del lavoratore dipendente. L’importo annuale del trattamento integrativo e dell’ulteriore detrazione è incrementato e sarà pari a 1.200 euro. Inoltre, gli under 36 con ISEE non superiore a 40.000 euro, potranno fruire in dichiarazione del credito d’imposta maturato  per l’acquisto della prima casa assoggettato ad IVA.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Bonus edilizi, per usufruirne devi avere questo documento: come ottenerlo

Per quanto riguarda, invece, l’utilizzo del Superbonus, è possibile fruire dell’aliquota maggiorata del 110%. Importanti cambiamenti anche per coloro che hanno figli che studiano musica. L’Agenzia chiarisce che è possibile beneficiare della detrazione del 19% per i costi sostenute per:

  • l’iscrizione dei ragazzi ai conservatori,
  • agli AFAM, a scuole di musica iscritte nei registri regionali nonché a cori, bande e scuole di musica riconosciuti da una pubblica amministrazione
  • per lo studio e la pratica della musica

Si potrà godere della misura fino ad un importo massimo per ciascun ragazzo pari a 1.000 euro, soltanto se il reddito complessivo non supera i 36.000 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Digitale terrestre, da oggi i canali tv cambiano ancora: cosa devi sapere

Tra le novità, è previsto un aumento pari a 609,50 euro della detrazione destinata agli appartenenti al comparto sicurezza. Per quanto riguarda, invece, il Bonus mobili, l’importo massimo per le spese per cui è possibile usufruire della relativa detrazione è stato innalzato a 16.000 euro. Infine, per le spese veterinarie il limite massimo per poter beneficiare delle relative detrazioni per chi ha un animale è pari a 550 euro.