Tiktok diventa a pagamento, svolta per l’app e mazzata per gli utenti

TikTok sta riscuotendo tra i giovani un vero e proprio successo indiscusso. Il portavoce della piattaforma, però, ha fatto un annuncio shock: di cosa si tratta. 

TikTok è un social network cinese lanciato nel settembre 2016, inizialmente col nome Musical.ly. Grazie a questa app, gli utenti possono creare clip musicali, dai 15 ai 180 secondi, modificare la velocità di riproduzione, aggiungere filtri e suoni ai loro video.

TikTok
App TikTok (Getty Images)

Ad oggi, sono in molti coloro che associano questo social network al proprio percorso di vita, sfruttandolo come una vera e propria “professione”. L’obiettivo, quindi, è quello di guadagnare postando dei video che attirino l’attenzione di un gruppo sempre più grande di followers. Nell’ultimo anno, i guadagni delle star sono aumentati notevolmente. Tra le influencer più pagate troviamo, ai primi posti, le sorelle Charli e Dixie D’Amelio, arrivando ad ottenere dei ricavi pari 27,5 milioni di dollari, rispetto ai 7 milioni dell’anno precedente.

In totale, le star di TikTok più pagate hanno guadagnato 55,5 milioni di dollari nel 2021, si parla di un incremento del 200% rispetto al 2020. Per questa ragione alcune aziende, famose in tutto il mondo, come Amazon, Louis Vuitton e McDonald’s hanno deciso di acquistare annunci pubblicitari di questo tipo. I TikToker possono, delle volte, chiedere fino a mezzo milione di dollari per un singolo post. Tuttavia, in genere il costo varia tra i 100 mila e i 250 mila dollari, più del doppio rispetto a quanto stimato nella classifica del 2020.

Grosse novità per TikTok: cosa potrebbe cambierà

TikTok
TikTok (Getty Images)

In queste ultime settimane anche TikTok sta pensando di creare dei contenuti a pagamento. L’azienda, secondo quanto riferito dal sito The Information, ha confermato di essere al lavoro in tal senso, ma non ha rivelato altri dettagli. Anche Instagram ha cominciato a fare alcuni test di questo tipo. Già diverse app hanno, infatti, deciso di riservare l’accesso soltanto ai paganti, esempio eclatante è quello di OnlyFans, sito web che consente ai creatori di contenuti di guadagnare denaro dagli utenti che si iscrivono ai loro profili.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> GF Vip, tre incredibili ingressi nella casa: scopriamo chi sono

Il portavoce di TikTok, Zachary Kizer, ha annunciato a The Verge che gli abbonamenti sono in una fase di test “L’obiettivo è portare valore alla nostra community e arricchire l’esperienza sulla piattaforma“. Attualmente non sappiamo quale categoria di contenuti saranno oggetto di un eventuale canone richiesto ai follower. Tuttavia, alcuni ritengono che la strategia che si potrebbe adottare sarebbe simile a quella di Instagram.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Instagram, a breve si dovrà pagare: rivoluzione inaspettata

Ad esempio, potrebbero introdurre dirette esclusive o chiusura di parte del profilo per gli utenti che navigano gratis. “Se i creatori dovessero riservare i loro migliori lavori per gli abbonati, ci sarebbe una conseguente diminuzione del coinvolgimento, con una preclusione per i non paganti“, ha sostenuto The Verge.