Pensioni, il calendario di febbraio: tutte le date per poter riscuotere

Spuntano le date dei primi pagamenti delle pensioni per il mese di febbraio 2022. Andiamo a vedere tutte le date rilasciate da Poste Italiane.

Febbraio è senza ombra di dubbio un mese particolare e sono milioni gli italiani interessati a quando verranno pagate le pensioni. Andiamo quindi a vedere il calendario rilasciato direttamente da Poste Italiane sulle erogazioni.

Pensioni
Quando verranno pagate le pensioni (via Screenshot)

Grandi novità per tutti i pensionati in possesso di un conto BancoPosta, di un Libretto di Risparmio o di una Postepay Evolution. Infatti per tutti questi cittadini le pensioni saranno erogati in anticipo. I pagamenti stando alle ultime notizie partiranno da domani, mercoledì 26 gennaio. Il comunicato è arrivato direttamente sul sito ufficiale delle Poste Italiane.

Per tutti coloro che non potranno fare a meno di ritirare la pensione in contanti in ufficio postale ci sarà bisogno di presentarsi agli sportelli nel seguente ordine: Mercoledì 26 gennaio – Lettere A-B; Giovedì 27 gennaio – Lettere C-D; Venerdì 28 gennaio – Lettere E-K; Sabato 29 gennaio (mattina) – Lettere L-O; Lunedì 31 gennaio – Lettere P-R; Martedì 1 febbraio – Lettere S-Z. Inoltre sempre Poste Italiane ha ricordato a tutti i cittadini che si potrà accedere alle pensioni gratuitamente. Andiamo quindi a vedere tutti i dettagli per il mese di febbraio.

Pensioni Febbraio 2022: tutte le info per i clienti di Poste Italiane

Pensioni gennaio
Il nuovo calendario per l’erogazione del contributo (via web)

Sul proprio sito ufficiale, Poste Italiane ha ricordato a tutti i suoi clienti che sarà possibile richiedere gratuitamente l’accredito della pensione tutti i possessori di Conto BancoPosta, Libretto di Risparmio o Postepay Evolution. Inoltre se si possiede uno di questi tre servizi dell’azienda italiana sarà possibile prelevare in contanti da oltre 7.000 Postamat, senza recarsi allo sportello.

POTREBBE INTERESSARTI >>> L’Inps vi deve soldi, ma è una truffa: attenzione a questo

Inoltre Poste Italiane ricorda di avere sottoscritto una collaborazione con l’Arma dei Carabinieri per tutti coloro con età pari o maggiore ai 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli uffici postali e che riscuotono normalmente la pensione in contanti. Infatti per loro il servizio è gratuito. Mentre il servizio non potrà essere reso a coloro che abbiano già delegato altri soggetti alla riscossione e che hanno un Libretto o un conto postale o che vivano con familiari.

LEGGI ANCHE >>> Criptovalute: pronta la rivoluzione per i pagamenti nella vita reale

Inoltre sempre secondo la convenzione, saranno i carabinieri a recarsi direttamente all’ufficio postale per riscuotere le indennità pensionistiche per poi consegnarle al domicilio dei beneficiari che ne abbiano fatto richiesta a Poste Italiane rilasciando un’apposita delega scritta. Per tutti ii pensionati che vorranno usufruire di questo servizio sarà possibile contattare il numero verde 800 55 66 70 messo a disposizione da Poste o chiamare la più vicina Stazione dei Carabinieri, sempre per richiedere informazioni.