Netflix in crisi, la sentenza è ufficiale: ora cosa succederà?

Si blocca la crescita della piattaforma streaming Netflix, che sembrerebbe essere entrata in crisi: cosa succederà adesso. 

Prima importante crisi per Netflix, con la piattaforma streaming che sta vedendo la sua crescita bloccata per la prima volta. Il tutto avviene nonostante la produzione di alcune serie come Squid Game e The Witcher. Andiamo a vedere cosa sta succedendo.

Netflix
La piattaforma streaming vede la sua crescita blocccata (via Screenshot)

L’anno nuovo non è partito nel migliore dei modi per Netflix, che ha visto la propria crescita bloccata per la prima volta dalla sua nascita. Un vero e proprio colpo basso, specialmente per quanto riguarda il 2021 che ha visto l’uscita di serie tv diventate ben presto cult come Squid Game e The Witcher. Allo stesso tempo gli utenti a breve potranno godersi il ritorno di prodotti amatissimi come Peaky Blinders ed Ozark.

Nonostante la vastissima offerta la crescita della piattaforma è rallentata ed i vertici nella notte di ieri hanno mostrato una trimestrale non certo positiva da questo fronte. Infatti la compagnia non è riuscita a rispettare le previsioni, con solamente 8,3 milioni nuovi abbonati rispetto agli 8,5 milioni previsti dai vertici del colosso. Quindi nel primo trimestre del nuovo anno Netflix ha deciso di mettere solamente 2,5 milioni nuovi abbonati, un dato significativamente più basso rispetto ai 4 milioni dell’anno scorso. Andiamo quindi a vedere tutti i provvedimenti presi dalla piattaforma.

Netflix, la crescita rallenta: delusione per i vertici del colosso

Netflix
Le ultime novità della piattaforma americana (via Screenshot)

POTREBBE INTERESSARTI >>> YouTube, arriva la decisione di Google: scatta l’abbonamento annuale

Gli ultimi dati rilasciati dalla piattaforma fanno pensare ad una vera e propria crisi. Infatti dopo l’ultima conference call è stato evidenziato una tendenza al ribasso nella crescita degli abbonati. Inoltre il 2021 è stato l’anno in cui ha riportato l’incremento più basso di nuovi iscritti dal 2015. Il confronto è impietoso se guardiamo il 2020, con Netflix che ad oggi ha fatto registrare un -50%. I numeri di due anni fa, però, sono senza ombra di dubbio gonfiati dalla pandemia, che ha portato incassi record per le piattaforme di streaming video.

LEGGI ANCHE >>> Yu-Gi-Oh! Master Duel rivoluziona le carte: scopri come giocare

Ad oggi complessivamente Netflix ha 222 milioni di abbonati totali, mentre Disney ha chiuso il 2021 con 179 iscritti tra Hulu, Disney+ ed ESPN+. La principale rivale ad oggi appare essere proprio Disney+, sicura di poter raddoppiare il numero degli abbonati non appena sbarcherà in nuovi paesi a partire dal 2023. La sfida quindi è sempre più aperta, con Netflix che adesso ha una rivale agguerrita. Così Reed Hastings deve trovare una soluzione per non subire il clamoroso sorpasso della Disney.