Meta, Zuckerberg fa all-in: l’occhio per robot umanoidi nella realtà virtuale

Mark Zuckerberg punta sempre di più su Meta. Infatti il CEO dei colossi social è pronto a far entrare tutti nel Metaverso: scopriamo come.

Nel 2021 Mark Zuckerberg ha rivoluzionato il colosso mondiale Facebook, cambiando il nome dell’azienda in Meta. Appare sempre più chiaro come il CEO del colosso voglia portare sempre più persone nella Realtà Virtuale: scopriamo come.

Meta
Mark Zuckerberg e la sua nuova piattaforma (Via Screenshot)

Sono passati oramai diversi mesi dall’annuncio di Mark Zuckerberg che ha deciso di trasformare il nome della sua azienda da Facebook a Meta. Il cambiamento ovviamente prevedeva anche nuovi piani per il futuro. Inoltre la visione del mondo virtuale richiede senza ombra di dubbio del tempo, ma non si può dire che Zuckerberg stia con le mani in mano. Dai siti specializzati in Tecnologia, infatti, è emerso un nuovo clamoroso piano dell’imprenditore.

Infatti a riportare la notizia ci hanno pensato i portali Gizmodo e Business Insider. Inoltre la news è spuntata anche sul sito ufficiale di dell’USPTO, ossia lo United States Patent and Trademark Office. Sul sito si legge come nel 2019 l’azienda che allora era chiamata Facebook era riuscita a depositare un brevetto relativo a un occhio per robot umanoidi. Dopo due anni, inoltre, il brevetto è stato concesso dagli Usa. Andiamo quindi a scoprire tutti i dettagli a riguardo.

Meta, concesso il brevetto a un occhio per robot umanoidi: i dettagli

Facebook Mark Zuckerberg
Il proprietario del gruppo di social network (via WebSource)

Stando alle notizie riportate dalle testate specializzate americane, si tratterebbe di un occhio robotico che rimanda a quello umano a livello estetico. Infatti l’obiettivo di Meta sembrerebbe proprio voler ricreare diversi aspetti tipici di un essere umano. A livello visivo sono quindi ben distinguibili la pupilla e l’iride.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Criptovalute, l’app di messaggistica apre ai pagamenti: novità sensazionale

Inoltre non mancano né un meccanismo di rotazione né dei sensori fotografici. L’intenzione di Zuckerberg infatti sembrerebbe quella di realizzare un robot “convincente”, almeno per quanto concerne il comparto visivo. È inoltre risaputo che una cosa del genere rientra pienamente nei piani di Meta e nella visione del futuristico Metaverso.

LEGGI ANCHE >>> Tesla, grave pericolo con alcuni modelli: i clienti rischiano la vita

Al momento però l’unica cosa certa è che si tratta solamente di un brevetto. Non è quindi chiaro se Facebook utilizzerà tutto ciò per un reale prodotto. L’intento della società sembrerebbe quello di buttarsi nel mondo dell’eye tracking, una tecnologia che può tornare utile soprattutto per quanto concerne il mondo della realtà aumentata e virtuale. Quel che è certo è che Zuckerberg è pronto a agettarsi a capofitto nel Metaverso.