Caro bollette, Draghi ha la strategia per aiutare gli italiani: cosa vuole fare

Il Governo è pronto a venire incontro al rincaro delle bollette. L’obiettivo è quello di tagliare la stangata: la strategia di Mario Draghi.

In questi mesi ha fatto discutere il caro bollette in tutto il paese. Il prezzo dell’energia è aumentato e di conseguenza anche le bollette da pagare sono più salata. Andiamo a vedere la strategia del premier Draghi per rimediare alla stangata subita dagli italiani.

Caro Bollette
Nuova strategia del governo per venire incontro ai rincari (via Screenshot)

Il Governo prova a dare una prima frenata al caro bollette recuperando risorse che derivano dalle aste per le emissioni di CO2, ma non solo. Infatti tutti i partiti politici sono in pressing su Draghi per ridurre i costi dell’energia. Sono tanti gli esponenti che chiedono “sostegno dei settori economici più colpiti, della manifattura energivora e delle pmi”. Infatti a breve agli italiani aspettano circa 11 miliardi di euro di rincaro sulle bollette per le utenze domestiche. È quindi previsto un aumento del 40%.

A chiedere un piano ci ha pensato anche il Copasir, ossia il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica. Infatti questo chiede un piano per l’autonomia tecnologica e produttiva nel settore energetico, il tutto come questione di sicurezza nazionale. D’altra parte anche Mario Draghi ha in mente un piano per aiutare la ripresa delle imprese. Si lavora quindi su un pacchetto di norme con proposte come il contributo di solidarietà da chiedere ai produttori, l’azzeramento dell’Iva, gli extra profitti.

Caro Bollette, in arrivo un mini decreto: cosa prevede

CaroBollette
Crescono i prezzi delle bollette luce e gas (Foto: Pixabay)

POTREBBE INTERESSARTI >>> ISEE, è possibile richiedere la giacenza media online: come fare

Entro la prossima settimana il Governo italiano prevede di attuare un mini-decreto da ben un miliardo di euro. Questo servirà per dare ristoro ai settori colpiti dalla pandemia da Covid-19. Quindi i fondi saranno destinati alle discoteche e alle sale da ballo, oltre al turismo ed alle strutture recettive. Inoltre al turismo già erano stati destinati 150 milioni che attendono la ripartizione del ministro dello Sviluppo economico. I fondi verranno così divisi per turismo, spettacolo e automotive.

LEGGI ANCHE >>> Nuovo Bonus Tv da 100 euro: come funziona. Scarica qui il modulo

Dal Mef invece fanno sapere che un altro miliardo potrebbe essere impiegato a stretto giro, a sostegno di ulteriori attività economiche in affanno. Nel mini decreto sarà presente anche un rifinanziamento per la quarantena della gente che lavora la quale non sarà più considerata malattia. Invece non saranno previste altre settimane di Cassa Integrazione Covid gratis per le aziende che dovranno attingere ai nuovi ammortizzatori che entreranno in vigore. Sarà quindi decisiva la prossima settimana, con il Governo pronto a prendere decisioni.