Un Posto al Sole, anticipazioni 6 gennaio: la partenza di Vittorio

Un Posto al Sole, anticipazioni della puntata di giovedì 6 gennaio: Vittorio lascia Palazzo Palladini per andare ad Oslo.

anticipazioni Un Posto al Sole
Vittorio parla con Speranza prima della partenza per Oslo (via screenshot)

Il momento dei saluti in una partenza è sempre quello più doloroso. La data nella quale Vittorio dovrà lasciare Palazzo Palladini è ormai arrivata, ma qualcosa potrebbe fermarlo all’ultimo momento? Il legame per Speranza lo tratterrà a Napoli?

Siamo anche su Telegram: seguici per tutte le novità!

Intanto, Raffaele e Renato avevano deciso di sfidarsi a scacchi. Un duello che potrebbe suscitare nuove scherzose tensioni tra i due veterani del Palazzo. Cosa succederà adesso?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Epifania, gli eventi da non perdere a Napoli

Un Posto al Sole, le anticipazioni del 6 gennaio

anticipazioni Un Posto al Sole
La sigla di Un Posto al Sole

Dalle anticipazioni di Un Posto al Sole della puntata che andrà in onda giovedì 6 gennaio veniamo a conoscenza del fatto a causa di un imprevisto, Rossella dovrà far fronte ad un’emergenza in ospedale. La figlia di Michele e Silvia saprà mantenere i nervi saldi affinché tutto vada per il meglio?

LEGGI ANCHE >>> Il Cantante Mascherato, in arrivo nuovi giudici per il programma: i nomi

Intanto, dopo la dolorosa partenza di Michele per Milano, un nuovo inquilino di Palazzo Palladini fa i bagagli. Si tratta di Vittorio, il figlio di Guido. Il viaggio ad Oslo era in programma da diverso tempo, ma gli eventi hanno fatto in modo che arrivasse il momento di salutare tutti in maniera davvero dolorosa. Le vicende del triangolo amoroso creatosi con Speranza e Samuel hanno portato la ragazza a perdere la fiducia in Vittorio. Al momento della partenza, il figlio di Guido cercherà di rimediare agli errori commessi, ma l’impresa si rivelerà alquanto ardua. Infine, la tanto attesa sfida a scacchi tra Renato e Raffaele può finalmente avere inizio. Il portiere di Palazzo Palladini è pronto, forte della complicità di due piccoli aiutanti.