Infortunio Osimhen: il medico rivela le reali condizioni dell’attaccante

Uno dei medici che sta seguendo il decorso di Osimhen dopo l’infortunio ha espresso il proprio parere in merito: le sue parole.

osimhen infortunio
Victor Osimhen accasciato al suolo dopo lo scontro aereo e l’infortunio (Getty Images)

L’Infortunio contro l’Inter lo sta tenendo fermo ai box ed il suo stop potrebbe durare ancora un po’ di tempo. Un intervento, un periodo di riposo e poi di nuovo in campo. La voglia certamente non manca all’attaccante nigeriano del Napoli che, dopo qualche settimana dal bruttissimo scontro con Skriniar ha già ripreso a correre sul prato di Castel Volturno.

Siamo anche su Telegram: seguici per tutte le novità!

Nel report quotidiano pubblicato dalla società attraverso il proprio sito ufficiale si legge quando segue: Personalizzato in campo per Osimhen”. Insomma, una fase di riabilitazione già cominciata da qualche giorno e che potrebbe presto dare i suoi frutti. I tempo in ogni caso restano abbastanza lunghi, ma il Napoli pensa già alla mascherina da applicare sul volto del centravanti quando ritornerà in campo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli-Empoli, un recupero in extremis per Spalletti: subito convocato!

Infortunio Osimhen: le parole del medico

infortunio Osimhen
Osimhen in campo (Getty Images)

Roberto Ruggiero, ortopedico, fa parte del team di esperti che preparerà la maschera protettiva per Osimhen. Recentemente è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show. Durante l’intervista, il medico ha riferito alcune dichiarazioni in merito al lavoro che andrà a svolgere. “Utilizzeremo 120 fotocamere per poter lavorare con la tridimensionalità della sua testa. Avremo anche uno stampo su cui lavorare. La maschera di solito è in carbonio e kevlar, una particolare fibra di vetro”, ha spiegato il dottor Ruggiero.

LEGGI ANCHE >>> Andare in montagna in sicurezza: le raccomandazioni da tenere a mente

In merito ai tempi di recupero per rivederlo in campo, il medico non ha potuto sbilanciarsi. Durante l’intervista ha però aggiunto che quando il “Prof. Tartaro, Roberta Ruggiero e Canonico decideranno che il giocatore sarà pronto clinicamente in 48 ore ci sarà la maschera”.