Camorra, nuova stesa a Pianura: spari durante la domenica sera

La Camorra torna a colpire nel quartiere di Pianura. Infatti nella serata di domenica c’è stata una nuova stesa nella zona del clan Cardillo. 

Pianura
Una volante dei Carabinieri in azione (via Carabinieri di Napoli)

Nuova stesa della Camorra a Pianura, con un gruppo di criminali che ha iniziato a sparare in Via Torricelli. Polizia e Carabinieri sono in azione per fare luce sull’ennesima apertura del fuoco nel quartiere occidentale di Napoli. Infatti i colpi sono stati esplosi quando c’era ancora parecchia gente in strada, rischiando quindi anche di causare qualche vittima innocente. Dopo i colpi di pistola c’è stato un fuggi fuggi generale, con i cittadini del quartiere che hanno cercato di mettersi a riparo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, scoperta coppia con armi da guerra e chili di droga: l’operazione

Fortunatamente nessun cittadino è rimasto ferito. Al momento gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire l’accaduto, ma soprattutto per capire a chi erano destinati i colpi d’arma da fuoco. L’unica notizia certa è che la zona in cui sono stati esplosi i corpi è sotto l’influenza della cosca dei Cardillo. Le forze dell’ordine quindi stanno cercando delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, sia pubbliche che private, utili per le indagini.

Camorra, sabato sera un agguato: pregiudicato ucciso tra la folla

Carabinieri
I Carabinieri di notte ai Quartieri Spagnoli (via Screenshot)

Durante la serata di sabato la Camorra era già tornata a colpire in via Fico al Mercato. Qui un agguato tra la folla ha ucciso Salvatore Astuto, di anni 57. L’uomo, pregiudicato, è stato colpito da oltre dieci colpi di pistola. Il 57enne, stando alla ricostruzione è stato vittima di un’imboscata. I malviventi che hanno eseguito il colpo hanno sparato oltre venti colpi. Fortunatamente nessun civile innocente è stato colpito dai proiettili.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Caserta, branco aggredisce ragazzina di 13 anni e suo padre – VIDEO

Stando alle prime ricostruzioni, infatti, sono state usate più armi durante il colpo o delle mitragliette. I sicari hanno compiuto il colpo nonostante la presenza di molti civili innocenti in strada. Dopo l’esplosione dei colpi, i carabinieri sono intervenuti sul posto. Inoltre le forze dell’ordine stanno compiendo le prime indagini analizzando le immagini delle telecamere di videosorveglianza.