Caserta, branco aggredisce ragazzina di 13 anni e suo padre – VIDEO

Ennesimo episodio di violenza a Sparanise, in provincia di Caserta. Un uomo e sua figlia di 13 anni sono stati aggrediti dal ‘branco’. 

Caserta
Il video dell’aggressione nel casertano (Via Screenshot)

Scene di una violenza inaudita a Sparanise, in provincia di Caserta. Infatti qualche sera fa, nella villetta della provincia casertana, un branco ha aggredito una ragazzina di 13 anni ed il padre che era corso a difenderla. I due hanno subito calci e pugni sul campetto da basket inaugurato solamente un anno fa. Il branco non ha badato all’intervento del signore di 40 anni, preso di mira dai teppisti in azione.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Giugliano, tentano il colpo da migliaia di euro alle Poste: banditi in fuga

La scena ha messo sotto choc l’intera comunità del piccolo paesino casertano. Infatti il campetto da basket fu inaugurato proprio come luogo di aggregazione. Ben presto però lo spazio comune è diventato il luogo di ritrovo delle baby gang presenti in zona, che nella serata di ieri hanno aggredito nuovamente due persone. Andiamo quindi a vedere le condizioni della ragazzina di 13 anni e del padre 40enne.

Caserta, il branco aggredisce padre e figlia: inaudita violenza a Sparanise

Il branco di baby criminali ha aggredito prima verbalmente e poi fisicamente la giovanissima ragazza di 13 anni. Sul posto per difendere la piccola ragazzina è intervenuto il padre di anni 40. Ma i teppisti hanno deciso di aggredire senza pietà anche l’uomo. Il 40enne era arrivato sul posto con l’intensione di identificare il responsabile dell’aggressione ai danni di sua figlia.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Matera, agli arresti un finto poliziotto della provincia di Napoli

La baby gang però ha deciso di attaccare con calci e pugni l’uomo anche quando si trovava in terra. A riprendere la violenza ci ha pensato anche un video che sta girando sul web. Purtroppo dopo la violenza il padre e la figlia sono stati costretti al ricovero in ospedale, proprio per curare le ferite. La ragazzina ha riportato traumi e contusioni, mentre per l’uomo c’è stata anche la frattura di un dito della mano.