Giugliano, tentano il colpo da migliaia di euro alle Poste: banditi in fuga

Un gruppo di banditi ha tentato il colpo da migliaia di euro alle Poste di Giugliano. Dopo aver fallito si sono dati alla fuga. 

Giugliano
Rapina alle Poste non va a buon fine (via web)

A Giugliano un gruppo di banditi ha cercato di rapinare l’Ufficio dell Poste Italiane in via Colonne. La banda in questione, infatti, aveva l’intento di compiere un colpo da migliaia di euro, che però non è andato a buon fine. Infatti i criminali sono fuggiti via a mani vuote. Prima di seminare il panico all’interno dell’ufficio è intervenuta una pattuglia dei carabinieri.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, spacciava crack vicino Piazza Garibaldi: arrestato 25enne

Le forze dell’ordine sono riuscite a raggiungere il posto guidate dal capitano della Compagnia, Andrea Coratza. Al momento la stessa pattuglia starebbe guidando anche le indagini per risalire ai responsabili del tentato colpo. Fortunatamente le forze dell’ordine potranno usufruire delle immagini delle telecamere di sicurezza presenti sul posto. Andiamo quindi a riveder i dettagli del colpo.

Giugliano, tentato colpo all’Ufficio Postale: iniziano le indagini dei carabinieri

Giugliano
I carabinieri sono giunti prontamente sul posto (via Screenshot)

Non è di certo nuova la notizia di un tentato colpo all’Ufficio delle Poste Italiane in via Colonna, a Giugliano. Infatti già lo scorso 31 gennaio 2020 c’era stato un assalto al portavalori all’esterno dell’ufficio postale in provincia di Napoli. In quell’occasione furono quattro i banditi che provarono a rubare il mezzo, aggredendo e disarmando le guardie giurate che erano a bordo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Caserta, arrestato uomo di 37 anni: ha sequestrato e violentato l’ex moglie

Successivamente i quattro fecero perdere traccia dopo essere fuggiti a bordo di una Renault bianca con cui avevano raggiunto l’edificio in via Colonna. Sul posto i carabinieri ricostruirono il colpo. I banditi avevano raggiunto il posto armati di mitra, costringendo le due guardie giurate a consegnare oltre 100mila euro. Anche in quell’occasione le forze dell’ordine riuscirono ad indagare sul caso sfruttando le telecamere di sicurezza presenti sul posto.