Cannabis, via libera alla coltivazione in casa: l’Italia prima in Europa

La Commissione Giustizia di Montecitorio ha preparato un testo che potrebbe autorizzare la coltivazione della Cannabis in casa: i dettagli

cannabis
Cannabis (Fonte: Pixabay)

La Commissione Giustizia di Montecitorio ha approvato un testo che presto verrà discusso e che potrebbe autorizzare la coltivazione della Cannabis in casa. Tuttavia contro la proposta hanno votato Lega, Fratelli di Italia, Coraggio Italia e Forza Italia, mentre Italia viva si è astenuta. “Siamo i primi in Europa a depenalizzare la coltivazione domestica di cannabis per uso personale” ha dichiarato il deputato Riccardo Magi, promotore dell’iniziativa.

Il prossimo passo sarà  la presentazione di eventuali modifiche che verranno discussi in commissione. “Con l’approvazione del testo base sulla coltivazione domestica della cannabis compiamo un ulteriore passo in avanti nel percorso di una legge attesa da tantissimi cittadini“, questo è quanto si legge in una nota del Movimento 5 stelle. “Pensiamo soprattutto a coloro che ne fanno uso per ragioni terapeutiche e che attualmente hanno difficoltà nel rifornimento, che devono sostenere costi molto elevati, o peggio si vedono costretti a ricorrere a canali illegali“, hanno concluso i deputati e le deputate pentastellate.

LEGGI ANCHE —> Napoli, ingressi scaglionati per scuola e uffici pubblici: le novità

Cannabis, i dettagli del testo approvato dalla Commissione Giustizia

cannabis
Cannabis (Fonte: Pixabay)

Nel dettaglio il testo adottato dalla Commissione vuole autorizzare la coltivazione e il possesso per uso personale di non più di quattro piantine “femmine” di cannabis. La Commissione ha sottolineato come l’utilizzo della coltivazione casalinga sia stato adottato negli Stati Uniti e abbia generato trecentomila posti di lavoro. Inoltre il mercato legale ha sostituito quello illegale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Cartelle esattoriali in arrivo: le soluzioni per chi non può pagare

Il testo prevede anche una diminuzione delle pene, qualora si tratti di fatti di lieve entità. La lieve entità non si potrà mai invocare nei casi in cui le sostanze stupefacenti e psicotrope siano consegnate o comunque destinate a persona di minore età.