Ponticelli, picchia a bastonate e sequestra la compagna: arrestato 50enne

A Ponticelli, perfieria est di Napoli, un uomo ha picchiato e sequestrato la compagna. I carabinieri hanno preso in arresto un 50enne. 

Poticelli
L’operazione delle forze dell’ordine (via Carabinieri di Napoli)

Operazione dei Carabinieri a Ponticelli, con i militari che hanno preso in arresto un uomo di 50 anni. L’uomo era autore di ripetute violenze ai danni della compagna. Infatti questa mattina le Fiamme Argento del nucleo Radiomobile di Napoli insieme a quelli della compagnia di Poggioreale hanno deciso di fermare l’aggressore. Il 50enne dovrà rispondere a varie accuse tra cui sequestro di persona, lesioni personali aggravate, maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Boscotrecase, si finge postina e truffa un’anziana: un arresto

L’uomo pur di non farsi arrestare ha provato a barricarsi all’interno della sua abitazione in via Angelo Camillo de Meis. Inoltre lo stesso uomo ha ripetutamente colpito con un bastone la compagna. I vicini hanno allertato le forze dell’ordine, infatti, dopo le strazianti urla della signora. In pochi minuti i militari erano già sul posto, ma per entrare nell’abitazione hanno dovuto prima contrattare con il 50enne. Andiamo quindi a vedere l’operazione delle forze dell’ordine.

Ponticelli, arrestato 50enne dopo aver aggredito la compagna: l’operazione delle forze dell’ordine

Ponticelli
Operazione dei Carabinieri nel Napoletano (via Screenshot)

All’arrivo dei carabinieri l’uomo aveva puntato un coltello alla gola della signora. Mentre l’uomo minacciava la signora, continuava a contrattare con i carabinieri attraverso una finestra che dava sulla strada. Il 50enne, inoltre, ha invitato più volte la polizia a non indagare sulla faccenda, rifiutando di aprire la porta. La svolta è avvenuta quando l’uomo ha deciso di colpire il vetro della finestra.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Salerno, rissa durante la presentazione di Ribery: due arresti

Con una grande prontezza, infatti, un militare è riuscito ad immobilizzare per il braccio l’uomo, permettendo alla donna di raggiungere la porta di casa e fuggire. Al tempo stesso il 50enne ha continuato ad urlare e con un pezzo di vetro in mano ha minacciato di uccidersi. I carabinieri però hanno fermato il suicidio in tempo, fermandolo ed arrestandolo. A causa delle farite riportate al braccio, l’uomo è ancora al Cardarelli per ricevere le cure del caso. La donna, invece, al momento è ricoverata all’Ospedale del Mare per le numerose lesioni riportate durante l’aggressione.