Boscotrecase, si finge postina e truffa un’anziana: un arresto

A Boscotrecase una 38enne si è finta postina per truffare una signora anziana. Questa mattina l’arresto da parte dei Carabinieri.

Boscotrecase
Nuova truffa ai danni di un anziana signora (via Screenshot)

Nuova truffa ai danni di un anziana signora di 79 anni. Questa volta il reato è stato compiuto a Boscotrecase, con la vittima che ha aperto le porte ad una signora che si è finta postina. Stando alle prime ricostruzioni, il tutto è avvenuto nel tardo pomeriggio. Infatti alla porta dell’anziana signora si è presentata la presunta postina che ha consegnato un pacco alla 79enne.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Materdei, il legale del tabaccaio: “Verifiche sul suo stato mentale”

Al momento della consegna la truffatrice ha giustificato il tutto affermando che era stato il nipote a fare quell’acquisto e la consegna si sarebbe completata solamente dopo il pagamento del contrassegno. Così l’anziana ha deciso di consegnare ben 2500 euro alla donna, ma dopo qualche perplessità ha deciso di chiamare il 112. Andiamo quindi a vedere cos’è successo.

Boscotrecase, si finge postina e sottrae 2500 euro ad un’anziana signora: la denuncia

Boscotrecase
Operazione dei Carabinieri nel Napoletano (via Screenshot)

La truffa di Boscotrecase non è altro che l’ennesimo atto criminale nei confronti di un’anziana signora. Stavolta la vittima ha consegnato ben 2500 euro, ma compreso l’errore ha deciso subito di allertare il centralino del 112. Così in poco tempo si sono diretti nell’abitazione della donna i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli. Grazie all’intervento immediato, le forze dell’ordine sono riuscite ad arrestare la truffatrice.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vomero, motociclista investe un pedone: morto un uomo di 69 anni

Infatti i militari hanno anche rilasciato le generalità della donna che avrebbe 38 anni e si chiama Rosaria Roberto. La donna così è finita in manette ed adesso è detenuta presso il carcere femminile di Pozzuoli. C’è un velo di mistero, invece, sul dove sia finita la somma sottratta all’anziana signora. Infatti i carabinieri ancora devono restituire i 2500 euro alla vittima e stanno lavorando per individuare eventuali fiancheggiatori.