Covid, muore a 32 anni: non aveva la tessera sanitaria per il vaccino

A Napoli muore un 32enne di Covid-19, che però non era un no-vax. La famiglia denuncia l’Asl per nona vergli rilasciato la tessera sanitaria.

Covid
Tragico decesso a Napoli (via Getty Images)

Napoli piange la morte di Francesco Sorianiello, uomo di 32 anni che si è spento a causa del Covid. L’uomo però non era un no-vax, anzi era pronto a vaccinarsi. Però a causa di un ritardo dell’Asl di Afragola non aveva la tessera sanitaria per potersi sottoporre alla somministrazione. Sorianiello era un direttore tecnico i una società specializzata in telecomunicazioni con sede a Casalnuovo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Torre del Greco, rissa tra figli, suocere e nuora: finiscono tutte in ospedale

A denunciare il tutto ci ha pensato la moglie Tonia, che da poco ha anche partorito un bambino. Infatti la donna ha affermato: “Se mio marito non era vaccinato devo ringraziare l’Asl di Afragola che per ricevere una tessera sanitaria abbiamo atteso 1 mese“. Inoltre Tonia ha anche risposto a chi sospettava che il marito avesse contratto il virus in vacanza. Infatti la donna ha ribadito: “Mio marito non è tornato da nessuna vacanza , semplicemente lavorava per dar da mangiare a suo figlio“. Andiamo quindi a vedere la denuncia della donna.

Covid, muore a soli 32 anni: la donna denuncia la malsanità

Covid
Un’ambulanza al lavoro (via Getty Images)

La morte di Francesco Sorianiello ha lasciato sotto choc l’intera Ponticelli, vista la sua giovanissima età. La moglie Tonia ha affermato: Se mio marito non è sopravvissuto è perché c ‘è una malasanità che nessuno immagina. Ho chiamato il 118 ben 7 volte, mi dicevano che stava bene, che era ansioso, che aveva bisogno di calmanti“.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Ponticelli, picchia a bastonate e sequestra la compagna: arrestato 50enne

Inoltre la donna ha poi aggiunto: “L’hanno lasciato a casa da solo, lo hanno fatto aggravare giorno dopo giorno. Quindi se mio marito oggi non c’è più e se mio figlio è costretto a crescere senza la figura di un padre la colpa è di coloro che non sanno svolgere il loro lavoro“.

Le accuse potrebbero poi avere dei risvolti giudiziari. Infatti l’uomo è morto tre giorni fa all’ospedale Cotugno, dopo aver trascorso oltre due settimane all’Ospedale di Pozzuoli. Tonia sui propri profili social ha infine dedicato una commovente dedica al compianto marito, ringraziando poi tutti i suoi contatti che hanno speso anche un secondo del loro tempo per le condoglianze.