Legge salva suicidi, cancellazione dei debiti: chi vi può accedere

Legge salva suicidi, arrivano i primi decreti per i debitori incapienti: liberazione dei debiti e obbligo di dichiarazione dei redditi.

legge salva suicidi
Legge salva suicidi (Fonte: Pixabay)

Legge salva suicidi, diversi Tribunali, tra cui quello di Cuneo, hanno emesso i primi decreti di esdebitazione per i debitori incapienti. É prevista la cancellazione dei debiti, derivanti da pregresse attività svolte, mutui o finanziamenti. La misura è rivolta a quei soggetti che non hanno alcuna utilità da concedere ai creditori non ancora soddisfatti.

L’art. 14-quaterdecies, aggiunto nella legge n. 3 del 2012 (la c.d. legge salva suicidi), ha introdotto infatti la figura del debitore incapiente. Ossia quel debitore, persona fisica, meritevole, che non è in grado di offrire ai creditori alcuna utilità, diretta o indiretta, nemmeno in prospettiva futura. Dunque anche il debitore che è privo di alcun bene può fare ricorso alla procedura di esdebitazione del residuo dei debiti. Tuttavia ci sono dei limiti: tale misura infatti può essere attivata una sola volta nella vita.

LEGGI ANCHE —> Bonus affitti in scadenza, ancora poco tempo per richiederlo

Legge salva suicidi, la decisione del Tribunale

legge salva suicidi

Il decreto del Tribunale di Cuneo riguarda il caso di una donna: la signora Rossi (nome di fantasia) che, a dopo aver dichiarato il fallimento di una società, risultava ancora essere debitrice per un importo pari a 321.839,52 euro. La donna però non era in grado di soddisfare in alcun modo i creditori rimasti impagati. Per tale motivo faceva ricorso alla procedura di esdebitazione prevista dall’articolo 14-quaterdecies dalla legge 3 del 2012.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Carta del docente in arrivo da metà settembre: a chi spetta e cosa prevede

Il giudice Magrì, del Tribunale di Cuneo, procedeva dunque all’accertamento della meritevolezza della debitrice per l’accesso alla procedura. Oltre che l‘assenza di frode, dolo o colpa grave nella formazione dell’indebitamento. E subito dopo le aveva concesso l’esdebitazione a costo zero per il debito rimasto insoddisfatto. Tuttavia stabiliva l‘onere per la donna di depositare la dichiarazione dei redditi per i successivi 4 anni, pena la revoca del beneficio.