Malore per Rita De Crescenzo, salvata dai medici: gli aggiornamenti

Malore per Rita De Crescenzo, salvata dall’intervento tempestivo dei medici: come sta adesso? Gli aggiornamenti sulle condizioni di salute.

Rita De Crescenzo
Paura per la tik toker (via social)

Un malore l’ha colta mentre si trovava all’esterno della Chiesa situata in via Medina, a Napoli. Il tempestivo intervento dei medici del 118 ha permesso che non si consumasse una tragedia. Dalle prime ricostruzioni, la donna ha accusato una crisi epilettica che le ha anche fatto perdere temporaneamente la memoria. Gli operatori giunti sul posto le hanno prestato le prime cure, ma poi hanno dovuto trasportarla in ospedale dove è in osservazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, anziana vince 500.000 euro al Gratta e Vinci: il tabaccaio lo ruba e scappa via. Gli aggiornamenti

Rita De Crescenzo, come sta adesso? Gli aggiornamenti

Rita De Crescenzo
La famosa tik toker in strada a Napoli (via social)

Rita De Crescenzo, molto famosa in Campania e anche fuori dai confini regionali per i suoi video caricati su Tik Tok, si trova in osservazione. I medici che le hanno prestato le prime cure, come anticipato in precedenza, l’hanno portata in ospedale dove ha trascorso un periodo di tempo in osservazione.

LEGGI ANCHE >>> Fisco, stangata per 4 milioni di italiani: l’operazione parte questo settembre

La donna è al centro di numerose polemiche: il suo personaggio ha diviso la città di Napoli. C’è chi la segue ed è divertito dai suoi video, chi invece non apprezza i contenuti fuori dalle righe da lei postati. Il suo nome, però, è ben noto anche alle forze dell’ordine perché al centro delle cronache giudiziarie. Un trascorso in carcere con l’accusa di spaccio di droga, problemi legati a degli ormeggi abusivi, alcuni video su Tik Tok nei quali si diverte a sbeffeggiare agenti di Polizia. Ha fatto scalpore, qualche mese fa, il suo arrivo in limousine con uno spettacolo abusivo nella zona della Riviera di Chiaia: sulla vicenda intervenne il consigliere Borrelli.