Covid in Italia, Rt ed incidenza in lieve calo: tutti i dati

Covid in Italia, l’Rt è in lieve calo scende a 0.97. A rischio Sicilia, Sardegna e Calabria in salita per pressione ospedaliere.

covid
Variante Delta (Fonte Ministero della Salute)

Nel monitoraggio dell’epidemia dei casi di Covid-19 in Italia, nel periodo 11-24 agosto 2021, c’è stato un calo dell’indice Rt sceso a 0,97. A rischio Sicilia, Sardegna e Calabria in salita per pressione ospedaliere. Dunque in lieve diminuzione rispetto alla settimana precedente, quando era arrivato al valore di 1,01.

L’incidenza settimanale è pari questa settimana a 74 per 100.000 abitanti, per il periodo dal 27 agosto 2021 al 02 settembre 2021. Lieve discesa perciò rispetto al valore di 77 per 100.000 abitanti del periodo 20-26 agosto 2021. Tuttavia l’impatto rimane al di sopra della soglia settimanale di 50 casi ogni 100.000 abitanti che permetterebbe l’identificazione dei casi e il relativo tracciamento dei loro contatti.

Le Regioni e Province autonome che questa settimana risultano classificate a rischio moderato sono diciassette. Erano dieci la scorsa settimana. Quattro Regioni invece sono considerate a rischio basso. Rilevante è il caso della Sicilia, dove i nuovi casi di Covid-19 sono in aumento, in crescita anche i casi registrati in Veneto.

LEGGI ANCHE —> Blocco licenziamenti: l’INL fornisce la data di scadenza del divieto

Covid-19, tutto quello che c’è da sapere sulla variante Delta

covid
Fonte: Getty Images

La Variante Delta ha causato una nuova ondata di contagi, si conferma perciò dominante in Italia. A rilevarlo è stata una indagine flash dell’Istituto superiore di sanità risalente al 24 agosto che ha stimato una prevalenza nazionale pari al 99,7%. In Italia, inoltre, la predominanza della Delta è stata individuata nell’88,1% dei casi. Tuttavia con due dosi di vaccino la possibilità di contagiarsi si riduce al 10-15%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Prosciutto cotto molto famoso ritirato dal mercato: potresti averlo in frigo

I sintomi causati dalla variante Delta sono raffreddore, mal di gola, leggera tosse. Successivamente possono comparire mal di testa, perdita di gusto e olfatto. Punto in comune è il raffreddore iniziale, ossia il tipico naso che cola. Tuttavia i soggetti non vaccinati restano a rischio di gravi difficoltà respiratorie e di decorso severo della malattia.