Zona rossa in Campania: arriva l’ordinanza di De Luca

Zona rossa nella Regione Campania: questa la decisione del Presidente Vincenzo De Luca che ha firmato un’ordinanza.

Campania zona rossa
Il presidente Vincenzo De Luca in conferenza (via social)

I contagi da Coronavirus in Campania sono al momento sotto controllo. Il virus continua però a circolare e nelle terapie intensive cresce il numero di persone contagiate e non vaccinate. Secondo la notizia di ieri, pare sia scoppiato un focolaio da Covid-19 al campo Rom di via Carrafiello, a Giugliano. Nel corso della giornata di ieri l’Asl Napoli2 Nord ha effettuato tamponi ad alcune persone di etnia Rom residenti nel campo che avevano avuto contatti con persone contagiate e che sono risultate di conseguenza positive al Coronavirus. L’ordinanza firmata proprio oggi da De Luca stabilisce Isolamento dei positivi e quarantenaper tutti i residenti del campo in quanto definibili per quanto in premessa, “contatti stretti”; somministrazione di tamponi naso-faringei a tutti i presenti nel campo; contenimento della mobilità sia in entrata che in uscita dal campo, con l’adozione di tutte le misure necessarie al contenimento del focolaio da Sars-Cov-2″.

LEGGI ANCHE >>> Pozzuoli, reparto Covid pieno di no-vax: 23 su 24 non sono vaccinati

Zona rossa in Campania: la decisione di De Luca

Campania zona rossa
Il Presidente Vincenzo De Luca (via social)

Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato oggi l’Ordinanza n. 23 del 2 settembre 2021 che indicano tutte le disposizioni per l’area del Campo ROM ubicato in Giugliano in via Carrafiello. “Ai cittadini aventi residenza, domicilio o dimora presso il Campo Rom di Via Carrafiello è fatto obbligo di isolamento domiciliare, con divieto di allontanamento dalle dette abitazioni, è fatto divieto di transito in ingresso e in uscita dal Campo Rom”. Il Comune di Giugliano insieme all’Unità di Crisi regionale e con il supporto della Protezione civile e del volontariato, cercherà di assicurare ogni forma di assistenza attraverso la somministrazione di derrate alimentari e generi di prima necessità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Preparato addensante richiamato dal mercato: contiene ossido di Etilene

La zona verrà costantemente controllata dalle Forze dell’Ordine e dalla Polizia municipale. Si legge poi nell’ordinanza: “La ASL competente assicura la somministrazione di tamponi naso-faringei nonché ogni ulteriore necessaria attività di controllo sanitario a tutta la popolazione interessata.”