Pozzuoli, reparto Covid pieno di no-vax: 23 su 24 non sono vaccinati

A Pozzuoli il reparto Covid dell’Ospedale Santa Maria delle Grazie è quasi interamente occupato da pazienti no-vax: la situazione.

Pozzuoli
La situazione all’interno del nosocomio puteolano (via Getty Images)

La situazione Covid-19 sembra essere stabile all’interno della penisola, con il trend che vede i reparti dedicati al virus occupati solamente dai pazienti no-vax. A testimoniare tutto ciò ci ha pensato l’Ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli. Antonio D’Amore, direttore generale dell’Asl Napoli 2 Nord, ha riferito la situazione all’interno del nosocomio, rivelando anche i piani per il futuro prossimo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Torre del Greco, arrestato il pusher dei Vip: l’operazione

Infatti stando a quanto riportato dal direttore generale adesso l’obiettivo è vaccinare nei luoghi della movida, ma anche nei lidi. Per quanto riguarda la campagna vaccinale, D’Amore ha affermato: “Abbiamo 670mila persone con doppia dose e manca poco per l’80% di popolazione vaccinata“. Adesso quindi l’Azienda Sanitaria Locale sta preparando la campagna vaccinale per i giovanissimi. Andiamo a vedere le ultime novità.

Pozzuoli, il Santa Maria delle Grazie riempito dai no-vax: la situazione

Pozzuoli
Si allarga la platea dei destinatari dei vaccini (Getty Images)

Adesso l’Asl sta preparando la campagna vaccinale riservata ai giovanissimi. Infatti le somministrazioni si svolgeranno con i camper e toccherà piazze e scuole dei comuni di Caivano, Casalnuovo, Giugliano, Qualiano e Quarto. D’Amore ha spiegato che adesso il primo obiettivo è vaccinare i ragazzi. Allo stesso tempo non bisogna perdere d’occhio tutte quelle categorie che ancora si devono sottoporre al vaccino.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Giugliano, incidente all’alba: auto si schianta e si ribalta

Per questo motivo il direttore dell’Asl Napoli 2 si dice perplesso specialmente dalla risposta della fascia d’età che va dai 40 ai 50 anni. Infatti D’Amore ha lanciato nuovamente l’appello a vaccinarsi, ricordando come la penisola abbia quasi raggiunto l’obiettivo dei 40 milioni di cittadini già completamente vaccinati. L’obiettivo è quindi quello di tenere sempre alta la guardia, almeno fino a quando non sarà conclusa la campagna vaccinale.