Casamicciola, maxi truffa a un anziano: il bottino sfiora i 15 mila euro

A Casamicciola un uomo di 84 anni è stato truffato per una somma di 14mila euro: le dinamiche. I due truffatori sono stati arrestati.

Casamicciola
Carabinieri (Foto da Pixabay)

Ancora un caso di truffa ad un anziano: stavolta è avvenuto a Casamicciola. Hanno contattato un uomo di 84 anni fingendosi un maresciallo delle forze dell’ordine e hanno detto che la figlia era in stato di arresto per un debito da pagare. Hanno poi detto all’anziano che avrebbero rilasciato la figlia solo se il debito fosse stato pagato. L’anziano, allora, agitato per questa situazione ha messo insieme tutti i suoi risparmi e ha preparato una somma di 14.800 euro. I due truffatori, poi, si sono presentati presso l’abitazione dell’uomo, hanno preso i soldi e si sono allontanati.

LEGGI ANCHE –> Napoli Nord, vaccini Pfizer in 5 piazze: arriva il camper sanitario

Casamicciola, arrestati i due truffatori

Casamicciola
(Getty Images)

Mentre i due truffatori – che ricordiamo, fingevano di essere nelle Forze dell’Ordine – si allontanavano dalla casa dell’anziano sono stati visti da un’auto dei Carabinieri con a bordo il comandante della Compagnia Ischia, Angelo Pio Mitrione, e il suo autista. Il comandante si è insospettito e ha chiesto ai due uomini di fermarsi ma questi hanno proseguito dritto. È partito un inseguimento al termine del quale i Carabinieri sono riusciti a bloccare la strada. C’è stata una breve colluttazione tra i militari e i truffatori che sono poi stati fermati e arrestati.

LEGGI ANCHE –> Torino, crolla una palazzina: aggiornamenti su vittime e feriti

I due truffatori – un 24enne e un 22enne entrambi residenti nel quartiere Ponticelli, nella periferia Est di Napoli – sono stati perquisiti. Dalla perquisizione sono stati trovati i 14.800 euro dati dalla vittima della truffa, così è stata ricostruita la vicenda e il denaro è stato restituito all’uomo di 84 anni. Inoltre, sono stati trovati e sequestrati anche 2.720 euro in contanti, un bracciale d’oro e due telefoni. I due truffatori sono accusati di: concorso in truffa aggravata, resistenza a pubblico ufficiale, sostituzione di persona e usurpazione di titoli e funzioni.