Rione Traiano, rissa tra pregiudicati: un morto e due feriti

Una rissa tra pregiudicati ha coinvolto il quartiere del Rione Traiano a Napoli. Un morto e due feriti in seguito alla colluttazione. 

Rione Traiano
I carabinieri nel quartiere napoletano (via Carabinieri di Napoli)

Una rissa tra pregiudicati si è conclusa in tragedia al Rione Traiano, dove una persona ha perso la vita ed altre due sono rimaste ferite. Infatti la colluttazione è avvenuta in via Tertulliano, una delle zone più calde del quartiere napoletano. Proprio qui sarebbe esplosa una rissa per futili motivi, che si è conclusa a colpi di coltello.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Ponticelli, agguato di camorra nella notte: un morto e un ferito

Ad avere la peggio è Raffaele Guida. L’uomo dopo esser stato colpito da diversi colpi di fendente è stato trasportato d’urgenza all’ospedale San Paolo di Napoli. All’arrivo nel nosocomio, però, l’uomo era già privo di vita. Infatti i soccorsi hanno potuto solamente decretare il decesso dell’uomo che era stato ferito gravemente.

Rione Traiano, la rissa finisce in tragedia: accoltellato un uomo

Ponticelli
Immagine di repertorio (via Carabinieri di Napoli)

Durante la rissa che ha svegliato in piena notte tutta via Tertulliano, zona Rione Traiano, sono rimasti gravemente feriti anche i fratelli Matteo e Salvatore Legnante. Come Raffaele Guida anche i due sono arrivati in ospedale autonomamente, senza aspettare l’arrivo dell’ambulanza del 118. Ma mentre Guida ha avuto la peggio, gli altri due feriti sono riusciti a sopravvivere.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Incendio a Barra, chiusa l’Autostrada a Ponticelli: gli aggiornamenti

I medici dell’Ospedale San Paolo, infatti, li hanno dimessi con prognosi non superiore ai 15 giorni. I fratelli Legnante sono a capo dell’omonima cosca camorristica. Al momento sulla vicenda stanno indagando le forze dell’ordine che hanno trovato tracce di sangue poco distanti dall’abitazione di Guida. Gli inquirenti avrebbero già interrogato i due fratelli sulla vicenda ed al momento i Legnante sarebbero stati denunciati. Continuano quindi le indagini, in attesa di una prima decisione da parte della Magistratura.