Campania, a scuola di pomeriggio: la proposta è stata approvata

Campania, a scuola di pomeriggio. La Giunta regionale ha approvato la proposta di un’offerta multidisciplinare con l’apertura pomeridiana.

Graduatorie ATA
(Foto: Pixabay)

Regione Campania, a scuola di pomeriggio. La Giunta regionale ha approvato la proposta progettuale “Scuola Viva”. Questo progetto prevede la programmazione di nuovi interventi con l’obiettivo di rafforzare la relazione tra scuola, territorio, imprese e cittadini e contrastare il fenomeno della dispersione scolastica. La delibera ricevuta permetterà di proseguire per ulteriori quattro anni la realizzazione di questo progetto.

Scuola Viva potrà contare su oltre 115 milioni di euro per la seconda edizione pluriennale del programma che tiene aperte le scuole anche nelle ore pomeridiane per progetti scolastici che spaziano dalle materie di base alla comunicazione, dal teatro alla musica.

LEGGI ANCHE –> Campania, abbonamento dei mezzi gratis: come fare per averlo

Campania, a scuola di pomeriggio: ufficiale

scuola Campania
Regione Campania

La delibera regionale ha varato anche uno speciale programma di intervento dedicato allo sport e alle attività motorie denominato: “Corpore sano Campania”, con la supervisione del Coni.

“Il progetto “Scuola Viva” – ha dichiarato l’assessore Lucia Fortini – rappresenta un vero e proprio modello educativo incentrato sui giovani che apre le scuole al territorio e alla comunità scolastica con attività di laboratoriali multidisciplinari, in continuità con l’azione di contrasto alla povertà educativa già avviato negli anni scorsi”.

LEGGI ANCHE –> Green pass, come funziona in Campania

Covid, vaccini e didattica in presenza

Nelle scorse settimane il presidente di Regione Vincenzo De Luca aveva anticipato: “Per riaprire le scuole bisogna vaccinare l’80% degli studenti. Se non ci sono condizioni di sicurezza, l’anno scolastico non partirà in presenza. Condizioni dettate chiaramente in estate, spingendo per una vaccinazione di massa anche dei più giovani. E ancora: “Se necessario rinvieremo l’inizio della scuola. L’obiettivo è raggiungere l’immunità di gregge del 70% entro settembre: “Dopo agosto vedremo quando far cominciare l’anno scolastico in base al livello di vaccinazione che avremo della popolazione studentesca” ha dichiarato recentemente il presidente De Luca.