Ennio Morricone, un anno dalla scomparsa del maestro: citazioni e ricordi

Ennio Morricone ci lasciava con la sua musica e l’eleganza delle sue note: rifiutò i funerali pubblici “per non disturbare”

Ennio Morricone
Ennio Morricone (Getty Images)

Io, Ennio Morricone sono morto“. Esattamente un anno fa il grande maestro ci lasciò e con una lettera-testamento dove annunciò ‘lui stesso’ la propria morte. Era uno di quei personaggi che per la carriera e il lustro che ha dato all’Italia all’estero avrebbe meritato i funerali di Stato.

Nulla di ciò avvenne. Non per gratitudine ma per “non disturbare”, scrisse nel testamento che il suo avvocato Giorgia Assuma lesse e fece recapitare alla stampa. Il Maestro pensò a tutti prima di andare via, nel testamentò nominò i familiari più cari e ovviamente il più “doloroso addio” fu per la moglie Maria.

Il saluto a lei fu per ultimo “ma non ultima” e “un ricordo particolare è per Peppuccio e Roberta, amici fraterni molto presenti in questi ultimi anni”. E quel Peppuccio, nominato in modo così informale quanto affettivo, è il regista Giuseppe Tornatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ennio Morricone, chi sono i quattro figli: cosa fanno oggi nella vita

Ennio Morricone: “La costanza è tutto”

Ennio Morricone e Giuseppe Tornatore (Getty Images)

Fu lunga e proficua la collaborazione tra i due, fin dai tempi del capolavoro Nuovo cinema Paradiso del 1988. Quelle scene e quelle musica fatto parte della storia del cinema mondiale. Immagini e note messe insieme che Tornatore e Morricone hanno saputo fare in maniera unica come in Malena e Baarìa.

Per gli amici si faceva in quatto, disse l’avvocato che leggendo il testamento commentò che quella era “la sua anima”: un uomo d’arte al quale non piacevano le grandi cerimonie pubbliche e che probabilmente scrisse quel testamento molto prima dell’incidente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Raffaella Carrà, dolce ricordo di Lello Arena: “Quell’ultima volta insieme…”

Morricone a seguito di una caduta in casa si ruppe il femore e mori in ospedale dove fu ricoverato dopo complicazioni ma continuando ad essere lucido pur se dolorante. Fino alle fine rimase sempre sé stesso e proprio della costanza fece una peculiarità della sua vita. Disse una volta che la costanza “è tutto nell’arte e nell’amore. So che esistono la tenuta, la coerenza, la serietà, la durata”. Sentimenti e modi di fare che l’hanno portata ad essere l’immortale Maestro.