Francia, Al Qaida minaccia Macron: “Morte a chi offende Maometto”

Francia, il presidente Macron minacciato da Al Qaida. “Morte a chi offende il profeta Maometto, è nostro diritto” afferma il gruppo jihadista.

Macron
(Getty Images)

Francia, nuovo allarme terroristico. Il gruppo jihadista Al Qaida dalla regione del Maghreb (l’area geografica più a ovest del Nordafrica che si affaccia sul mar Mediterraneo e sull’oceano Atlantico e comprendente anche Marocco, Algeria, Tunisia, Libia) ha rivolto minacce al presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron. I terroristi hanno esortato i fedeli estremisti ad uccidere chiunque insulti il profeta Maometto. Il riferimento è agli episodi che negli ultimi anni hanno coinvolto il Paese transalpino per le vignette satiriche pubblicate dalla rivista Charlie Hebdo.

LEGGI ANCHE –> Francia, prete ortodosso sparato in strada a Lione

Francia, Macron minacciato di morte da Al Qaida

Macron
(Getty Images)

Il comunicato di Aqmi (sigla con cui è conosciuto il gruppo di Al Qaida nel Maghreb islamico) recita: Uccidere chiunque insulti il profeta è diritto di ogni musulmano. Il boicottaggio è un dovere, ma non è sufficiente”.

Pochi giorni fa, in seguito all’ultimo attentato di Nizza, il presidente Macron aveva rilasciato un’intervista ai microfoni di Al Jazeera rivolgendosi a tutto il mondo arabo (clicca qui per leggere). Un messaggio per condannare la violenza, pur comprendendo lo shock che certe immagini satiriche potevano aver scatenato nei fedeli islamici. Il numero uno della Repubblica francese, però, aveva difeso il diritto di libertà di stampa della rivista satirica. Commenti che non sono piaciuti ad Al Qaida, che lo ha definito “giovane e inesperto, con poco cervello”.

LEGGI ANCHE –> È morto Gigi Proietti, l’attore oggi avrebbe compiuto 80 anni

La Francia è in lockdown, ma da Parigi le immagini mostrano una città ancora affollata e popolata. I dati coronavirus di oggi nella nazione mostrano 52.518 contagi e 416 morti nelle ultime 24 ore.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia, che cosa prevede il temuto “scenario 4”: ecco chi rischia di più