Covid, che cosa prevede il temuto “scenario 4”: ecco chi rischia

Il premier Giuseppe Conte, parlando sulla situazione Covid ha affermato che si va verso lo scenario 4, scopriamo cos’è e quali rischi ci sono.

Covid scenario 4
Andiamo a vedere cosa comporta il famoso scenario 4 (Getty Images)

Come ha riportato il premier Giuseppe Conte durante il suo discorso alla Camera, l’Italia va verso lo scenario 4, quello da evitare a tutti i costi. Per questo il Presidente del Consiglio ha invitato tutti ad essere uniti ed a rispettare le norme di sicurezza, per evitare un ulteriore aumento dei contagi. In molti però non sanno in cosa consiste lo Scenario 4, quindi cerchiamo di fare chiarezza.

L’ultimo scenario della pandemia consiste nel non riuscire più a controllare la trasmissibilità, con il sistema sanitario che rischierebbe il collasso in questo caso. Per questo motivo il premier ha invitato nuovamente il popolo a fare un ultimo sacrificio, in attesa del vaccino. Evitare l’ultima fase della pandemia, significherebbe non solo mantenere in piedi il sistema sanitario, ma anche contenere la pandemia riuscendo a far ripartire prima l’economia del paese.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Covid, quello di Napoli arriverà prima dell’estate

Covid, si va verso lo scenario 4: le regioni a rischio

Covid SCENARIO 4
La situazione pandemica in Italia (Getty Images)

Come abbiamo anticipato, lo scenario 4 si verifica in casi di trasmissibilità non controllata con criticità nella tenuta del sistema sanitario nel breve periodo. Uno dei fattori da considerare prima di decretare l’ultimo stadio è l’indice di contagio Rt regione per regione.

L’allarme rosso scatta quando l’indice Rt supera l’1,5 ed al momento sono ben 13 le regioni che l’hanno superato.  Tra queste regioni, due superano addirittura quota due, e sono: la Lombardia con l’indice Rt a 2,09 ed il Piemonte con un indice Rt di 2,16.

Chiudiamo quindi con una lista di tutte le regioni che rischiano di passare in allarme rosso. Tra le 11 regioni, infatti, troviamo:

  • Calabria (1,66),
  • Emilia Romagna (1,63),
  • Friuli Venezia Giulia (1,5),
  • Lazio (1,51),
  • Liguria (1,54),
  • Molise (1,86),
  • Provincia di Bolzano (1,96),
  • Provincia di Trento (1,5),
  • Puglia (1,65),
  • Umbria (1,67)
  • Valle d’Aosta (1,89).

POTREBBE INTERESSARTI  >>> Covid, appello Asl: “A Napoli mancano medici, corsa per i posti letto”

L.P.

Per altre notizie di Cronaca, CLICCA QUI !