Digitale terrestre, a breve blackout su tutte le tv: come correre ai ripari

Digitale terrestre | A breve si registrerà un blackout su tutte le tv: quando e come risolvere il problema.

Nel corso di questo febbraio 2022 saranno tantissime le regioni italiane impegnate nel processo di refarming delle frequenze 700 mHz. Il rinnovo ci porterà verso il nuovo digitale terrestre: andiamo a vedere come evitare il blackout.

Digitale terrestre
Tutto il procedimento per evitare di perdere i canali televisivi (Via Screenshot)

L’Italia va diretta verso la nuova frontiera del Digitale terrestre che a breve trasmetterà su banda HEVC Main 10 DVB-T2. Questo garantirà a tutti gli italiani in possesso di un televisore adatto di guardare le trasmissioni in alta definizione nella nuova codifica Mpeg-4. In questo cambiamento epocale però c’è una data fondamentale da ricordare, ossia l’8 marzo 2022. Infatti nel corso di questa data potrebbe esserci un vero e proprio black-out.

Quindi nel corso della data indicata tutti i canali Mediaset e la maggior parte di quelli Rai passeranno definitivamente sulla nuova codifica Mpeg-4 in tutta Italia. Questo vorrà dire che chi è sprovvisto di un televisore o di un decoder compatibili al nuovo digitale terrestre si ritroverà con lo schermo nero e quindi non riuscirà a vedere i canali in chiaro. Questo potrebbe creare non pochi disagi a chi ancora deve abituarsi alla nuova tecnologia. Andiamo quindi a vedere come evitare il black-out.

Digitale Terrestre, si avvicina lo switch-off: come evitare lo schermo nero

Digitale Terrestre
Come evitare il black-out definitivo (Via Screenshot)

L’8 Marzo è la data designata per lo switch-off del digitale terrestre. Questo potrebbe essere un vero e proprio problema per coloro che abitano nelle zone che non saranno raggiunte dal segnale. Per questi ultimi non si tratta di avere un dispositivo aggiornato, ma di un disservizio nella trasmissione che non dipende da loro. Proprio per questo motivo la Rai ha deciso di lanciare una smart card per continuare ad usufruire del servizio.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Spider-Man meglio di tutti: in casa PlayStation non riescono a crederci

Per evitare lo schermo nero sarà importantissimo verificare se il proprio televisore o decoder è compatibile al nuovo digitale terrestre. Quindi bisognerà ricordare la data d’acquisto, dovrete stare al sicuro nel caso in cui abbiate comprato un televisore successivo al 22 dicembre 2018, visto che questo sicuramente leggerà la codifica Mpeg-4, che il DVB-T2 HEVC Main 10. Altrimenti un altro metodo è controllare i canali 501, 505 e 507 e verificare se al loro posto si vedano rispettivamente Rai 1, Canale 5 e LA7 in alta definizione, contraddistinti dalla scritta HD.

LEGGI ANCHE >>> Gmail si aggiorna, diversi i cambiamenti: come sarà la piattaforma

Nonostante questi controlli però potrete comunque riscontrare problemi per l’ultima tappa del digitale terrestre, lo switch off definitivo di gennaio 2023. Infatti l’anno prossimo per tutti arriverà la nuova codifica HEVC Main 10 DVB-T2. Quindi potrete controllare se il vostro televisore abbia questa codifica ai canali 100 e 200. Se vedrete la scritta in descrizione HEVC Main 10 allora potete stare tranquilli, altrimenti dovrete acquistare un nuovo apparecchio.