Brutte notizie per gli automobilisti: la scatola nera diventa obbligatoria per tutti

Da luglio, scatta l’obbligo che prevede l’utilizzo della scatola nera anche per gli automobilisti: i dettagli  

Il Regolamento UE 2019/214 ha introdotto nuove regole che riguarderanno anche gli automobilisti. Tra qualche mese, infatti, entreranno in vigore delle norme che prevedono l’uso di sistemi avanzati che proteggono i veicoli e gli altri utenti della strada.

Scatola nera
Scatola nera (Fonte: Pixabay)

Tra di essi, è presente anche il registratore di dati di evento (EDR), ossia la cosiddetta scatola nera. L’apparecchio sarà obbligatorio sulle auto e sui veicoli commerciali leggeri di nuova omologazione a partire dal 6 Luglio 2022. Dal 7 Luglio 2024 sarà invece obbligatoria su auto e v.c.l. di nuova immatricolazione. Nel 2029 l’obbligo verrà applicato anche ai mezzi pesanti.

Scatola nera: tutto quello che c’è da sapere sulle nuove regole

Scatola nera
Scatola nera (Fonte: Pixabay)

Il registratore di dati di evento o EDR (dall’inglese Event Data Recorder) è un dispositivo che somiglia parecchio alle ordinarie scatole nere che sono già molto utilizzate sulle nostre auto. Questa, infatti, consentono un notevole sconto sulle tariffe RC auto. Inoltre, tale strumento è capace di registrare e memorizzare diverse informazioni negli attimi immediatamente prima, durante e dopo una collisione. In tal modo, si ha la possibilità di ricostruire chiaramente la dinamica di un incidente. I dati in esso contenuto sono:

  • velocità del veicolo;
  • frenata, posizione e inclinazione del veicolo sulla strada
  • sistema eCall di bordo basato sul servizio 112
  • stato e frequenza di attivazione di tutti i sistemi di sicurezza del veicolo
  • attivazione del freno e ogni altro parametro di input connesso ai sistemi di bordo di sicurezza attiva e di prevenzione degli incidenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Manifest, la storia vera dietro la serie ed il volo Malaysia Airlines 370

Inoltre, l’EDR non potrà essere disattivato dall’automobilista. Le informazioni in esso contenute, dunque, rimarranno anonime e protette da manipolazioni e abusi. Tra l’altro per questioni relative alla privacy, non potranno consentire di individuare il singolo veicolo o il proprietario o titolare del veicolo. Le informazioni raccolte e memorizzati dallo strumento, però, potranno essere utilizzate dalle forze di polizia nazionali, mediante un’interfaccia standard. L’obiettivo è quello di poter attribuire, in modo certo, le responsabilità di un eventuale incidente stradale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Assegno unico esteso a tutti: è l’INPS ad annunciarlo ufficialmente

Dunque, tutti i produttori sono avranno l’obbligo di installare alcune tecnologie già presenti sul mercato ma fino a oggi non obbligatorie, come per esempio la scatola nera.

Tutte le novità introdotte dal Regolamento Ue

Inoltre, da luglio partirà un nuovo obbligo su tutte le auto. In base a quanto stabilito dal nuovo regolamento Ue, tutti i nuovi veicoli dovranno essere muniti di questi sistemi di sicurezza:

  • Adattamento intelligente della velocità
  • Interfaccia di installazione di dispositivi di tipo alcolock
  • Avviso della disattenzione e della stanchezza del conducente
  • Avviso avanzato di distrazione del conducente
  • Segnalazione di arresto di emergenza
  • Rilevamento in retromarcia
  • Registratore di dati di evento
  • Sistemi precisi di monitoraggio della pressione degli pneumatici