Isee 2022, la guida per richiederlo online sul sito Inps

Nel 2022, l’Isee sarà necessario per l’ottenimento di numerosi bonus e nelle prossime settimane sarà possibile richiederlo online: come fare  

isee 2022
Altre novità riguardanti l’esonero ai contributi (via Getty Images)

Il calcolo dell’Isee è ormai diventato indispensabile. Rispetto all’anno passato, l’indicatore della situazione economica equivalente dal 2022 accresce ancor di più la sua importanza. Dal quest’anno, infatti, saranno presenti moltissime agevolazioni per le quali l’indicatore della situazione economica è richiesto e tantissimi saranno coloro che hanno diritto all’ottenimento dei bonus a causa della crisi provocata dal Covid.

Per evitare che le richieste ai Caf diventino insostenibili nelle prime settimane dell’anno sarà permesso effettuare la procedura online direttamente dal sito dell’Inps. Il meccanismo è semplice basterà accedere al sistema e compilare la Dichiarazione unica sostitutiva (Dsu) seguendo le istruzioni dell’Ente.

LEGGI ANCHE —> 911 Lone Star 3 in arrivo: trama e anticipazioni

Isee 2022: la procedura per richiederlo online

Isee 2022
Isee (Foto Facebook)

Per poter effettuare la procedura sarà necessario possedere uno spid o la carta d’identità elettronica. Una volta in possesso dell’utenza digitale, basterà accedere al servizio “Isee precompilato” e procedere alla richiesta. Inoltre, il sito dell’Inps ha messo a disposizione un tutorial che chiarisce come fare.
Sarà necessario autodichiarare alcuni dati come: la composizione del nucleo familiare, i dati non disponibili negli archivi amministrativi per quanto riguarda i Modelli Base (per esempio, la casa di abitazione) e gli elementi di riscontro e delega per ogni componente maggiorenne del nucleo familiare. I dati precompilati, invece, sono: il canone di locazione della casa di abitazione, i patrimoni mobiliari, quelli immobiliari, i redditi ai fini dell’Irpef e i trattamenti erogati dall’Inps che sono esenti dall’Irpef stessa

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Sanremo 2022 con il rischio Covid: cosa potrebbe saltare

Una volta inserite tutte queste informazioni, l’Inps inoltra l’autodichiarazione all’Agenzia delle Entrate per essere sottoposta a controllo. In caso di esito positivo i dati vengono restituiti all’istituto, che comunicherà via mail o sms l’avvenuta lavorazione della Dichiarazione unica sostitutiva. Subito dopo si dovrà accedere nuovamente sul sistema Isee precompilato online, così da controllare lo stato della Dsu lavorata. Se risulta elaborata, bisogna accettare oppure modificare i dati precompilati. Invece, nel caso in cui la Dsu risulta sospesa, sarà necessario ripetere la procedura correggendo i dati errati.
Nel caso in cui si è in possesso di un modello 730 o un modello dei redditi delle persone fisiche, bisognerà indicare l’importo della dichiarazione stessa.

Isee 2022, cosa fare in caso di redditi mobili

Per quanto riguarda i redditi mobili riferiti al secondo anno precedente (nel 2022 si farà riferimento al patrimonio al 31 dicembre 2020). Ci sono tre casi:

  • nessun patrimonio,
  • un patrimonio inferiore ai 10 mila euro
  • patrimonio pari o superiore ai 10 mila euro.
    Nei primi due ipotesi basterà selezione l’apposita casella; nel terzo caso, bisognerà scegliere una delle due opzioni di dichiarazione messe a disposizione dal modello online. Per i conti cointestati, invece, è necessario inserire l’intero importo e non soltanto la cifra in nostro possesso. Qualora tutti i passaggi siano stati compilati in modo corretto, l’Inps renderà disponibile l’attestazione sul portale online.