Torre Annunziata, raid e agguati di camorra: appello alle istituzioni

Torre Annunziata, non si ferma la violenza: il presidio Libera lancia l’SOS alle istituzioni. Don Ciro Cozzolino fa un appello.

Torre Annunziata
Associazione LIBERA contro le Mafie (Foto: account instagram)

Ancora violenza a Torre Annunziata, ancora raid e agguati della camorra. Lunedì un netturbino della ditta Prima Vera è stato colpito con una pistola ad aria compressa durante l’orario di lavoro. Ha avuto una prognosi di 7 giorni. Solo pochi giorni prima c’era stata una vittima: la trans Sara Lopez colpita allo stesso da un gruppo di ragazzi. Torre Annunziata non ce la fa più. Don Ciro Cozzolino, il referente del presidio di Libera a Torre Annunziata ha detto: “Il quotidiano susseguirsi di fatti criminali – drammatici e devastanti – che si svolgono nelle strade ci mostrano una città ormai allo stremo della tenuta sociale, dove la sicurezza e la vivibilità è particolarmente precaria. Ha continuato: “Quanto sta accadendo non lascia più alibi alle responsabilità delle istituzioni (amministrazione comunale per prima) ma anche di noi cittadini”.

LEGGI ANCHE –> Maschio Angioino, spettacoli teatrali gratuiti fino a ottobre: il programma

Torre Annunziata, le parole di Don Ciro Cozzolino

Torre Annunziata
(Getty Images)

Le parole di Don Ciro Cozzolino non si riferiscono solo alle recenti “stese” verificatesi in città, ma anche a episodi drammatici come l’uccisione di Mario Cerrato che aveva difeso la figlia da un parcheggiatore abusivo. Il prete, che come detto è anche il referente del presidio di Libera di Torre Annunziata, ha poi detto: “Questa insostenibile realtà chiede a noi comunità una sola cosa: lasciare il buonismo dell’indifferenza per far posto alla determinazione di costruire una ‘nuova Torre Annunziata’, fondandola su valori di giustizia e legalità per la cura appassionata e competente del bene comune”

LEGGI ANCHE –> WhatsApp, ascolta gli audio vocali prima di inviarli: l’ultimo trucco scoperto

Queste parole sono state pronunciate il giorno del 37esimo anniversario della “strage di Sant’Alessandro”. Il 26 agosto 1984 un gruppo di sicari aprì il fuoco presso un circolo di pescatori a Torre Annunziata che era frequentato anche da alcuni esponenti del clan Gionta. Nell’agguato persero la vita 8 persone e 7 furono ferite. Don Ciro ha concluso dicendo: “Siamo consapevoli che da soli non potremo far nulla per trasformare l’agonia in speranza. Da qui il nostro accorato appello – ad ognuno e alle forze sociali – ad uscire da se stessi, dalle proprie sicurezze e da ogni forma di corporativismo per la difesa di privilegi. Camminare e agire insieme è necessario alla vita della città e dei cittadini! Noi ci siamo.