Allerta meteo a Napoli: previsti temporali e forti raffiche di vento

Per la giornata di domani 25 agosto, la Protezione Civile della Regione Campania ha diramato l’allerta meteo a Napoli: le previsioni.

Allerta meteo Napoli
Le indicazioni del Comune di Napoli (Profilo Instagram Comune di Napoli)

La Protezione Civile della Regione Campania ha diramato l’allerta meteo nella città di Napoli per la giornata di domani mercoledì 25 agosto. Sono previsti infatti fenomeni metereologici avversi dalle ore 8:00 alle 20:00. L’allerta è stata lanciata perché potrebbero verificarsi rovesci e temporali, soprattutto a ridosso dei rilievi, con possibili raffiche di vento.

LEGGI ANCHE >>> Sorrento, vaccino senza prenotazione: l’appuntamento anche per i turisti

Il caldo che ha caratterizzato questo mese di agosto sembra davvero un ricordo soprattutto se si pensa al netto calo delle temperature. L’allerta gialla è scattata per rischio idrogeologico a causa dei temporali che potranno verificarsi nell’arco della giornata. Pericolose soprattutto per strutture provvisorie le forti raffiche di vento, fulminazioni, possibili grandinate che potrebbero causare la caduta di rami o alberi.

Allerta meteo a Napoli: chiusure e consigli

Allerta meteo Napoli
Allerta meteo gialla

In vista dei possibili temporali che potrebbero sfociare anche in grandinate, bisogna evitare di frequentare locali interrati o comunque posti a pian terreno. Evitare anche assi stradali notoriamente interessati da grossi deflussi idrici. In caso di allagamento è importante staccare subito l’energia elettrica. In caso di attraversamento in auto di un sottopasso stradale, pericoloso in occasione di allerta meteo, bisognerà procedere con cautela.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cashback, chi non ha ottenuto il rimborso: come fare ricorso

Nel caso in cui la praticabilità della strada è compromessa bisognerà dare comunicarlo ai numeri di emergenza 112, 113, 115. Tutta la cittadinanza è invitata dal comune di Napoli a prestare massima attenzione nei siti segnalati per il rischio idrogeologico, come versanti e pendii per possibili frane e smottamenti e anche idraulico, come sottopassi e aree di collettori fognari per possibili allagamenti.