Pescara, due detenuti evadono dal carcere San Donato: come è successo

Ancora evasioni dal carcere San Donato di Pescara: 4 in un anno. I sindacati lamentano carenza di personale nella struttura.

Pescara
Prigione (Getty Images)

Alle 9 di mattina di ieri, 17 agosto, sono evasi dal carcere San Donato di Pescara due detenuti di nazionalità rumena di 25 e 22 anni. Durante l’ora del passeggio i due sono riusciti a scavalcare il doppio muro di recinzione che dà su via Alento. Sebbene il personale in servizio abbia fatto scattare subito l’allarme, i due detenuti sono riusciti a raggiungere la strada. Questa evasione è solo l’ennesima, infatti con le stesse modalità e dinamiche erano evasi già altri due detenuti: uno evaso qualche mese fa e uno l’anno scorso. Nicola Di Felice del sindacato Osapp ha dichiarato a il Messaggero: “Sono arrabbiato con questa amministrazione che nulla fa per la carenza di  personale e si limita a promettere lavori forse in parte risolutivi, ma sicuramente non realizzabili in tempi brevi”.

LEGGI ANCHE –> Ischia, 25 ospiti di un albergo ricoverati: ipotesi di intossicazione alimentare

Pescara, i detenuti evasi sono stati catturati

Pescara
Auto della Polizia (via Getty Images)

Il coordinatore regionale Fp Cgil Abruzzo Molise, Giuseppe Merola ha dichiarato: “Come organizzazione sindacale abbiamo più volte denunciato diverse precarietà emergenziali, di natura strutturale ed organizzativa, coinvolgendo organi istituzionali governativi. Ora è arrivato il momento di dire basta. La situazione è al capolinea e siamo preoccupati per continue reiterazione ed alterazioni”. Continua: “Lavoratori e popolazione detenuta, da troppo tempo, vivono in condizioni di reale disagio e non si può far finta di niente”.

LEGGI ANCHE –> Irpinia, esplode una bombola di gas: danni ad una palazzina

Le forze dell’ordine hanno avviato le ricerche anche con l’ausilio di un elicottero. Nel tardo pomeriggio di ieri la Polizia ha raggiunto i due fuggitivi che sono si erano allontanati dal quartiere San Donato. Sono stati arrestati e ricondotti nella struttura penitenziaria. L’attività investigativa e di ricerca è stata condotta dalla Polizia, coordinata dal dirigente della Squadra Mobile Dante Cosentino con l’ausilio di Volanti e altri reparti.