Giugliano, fermati due della banda delle rapine: l’operazione

Questa mattina i Carabinieri hanno arrestato a Giugliano  due criminali della banda delle rapine, autori di 11 colpi in soli due mesi. 

Giugliano
Le forze dell’ordine a lavoro nel napoletano (via Screenshot)

I Carabinieri del Comando di Napoli, questa mattina, hanno arrestato due componenti della banda delle rapine. Infatti l’operazione è nata nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord. Così le Fiamme Argento hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di due persone. Entrambi di 32 anni, i due sono originari di Afragola e Cardito.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Malore per Gaetano Curreri: è ricoverato, possibile ictus

Secondo la Procura i due sono responsabili di ben 11 rapine diverse compiute principalmente in distributori di benzina e supermercati. A condurre le indagini ci hanno pensato i carabinieri delle stazioni di Varcaturo, Qualiano e Grumo Nevano. Per compiere al meglio l’operazione, le fiamme argento si sono servite delle immagini di videosorveglianza degli esercizi colpiti, permettendo quindi di accertare il reato da parte dei due malviventi.

Giugliano, due arresti dei carabinieri: fermati due 32enni autori di 11 rapine

giugliano
Le forze dell’ordine a lavoro (Screenshot Carabinieri Napoli)

Questa mattina i Carabinieri hanno compiuto i due arresti, con i malviventi ritenuti responsabili di 11 rapine compiute tra gennaio e febbraio di quest anno. Inoltre le rapine sono avvenute in diversi luoghi dell’hinterland napoletano, da Giugliano in Campania a Casoria. Dagli 11 colpi i rapinatori sono riusciti ad ottenere un bottino pari a poche migliaia di euro. Inoltre stando agli inquirenti i rapinatori sarebbero ben 4, con le forze dell’ordine che sono alla caccia degli altri responsabili.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, ambulanza colpita durante una rissa: Daspo a 36enne

Il modus operandi della banda è sempre stato lo stesso. Infatti i criminali entravano con la propria auto (a volte a noleggio, altre rubata) all’interno dei distributori di benzina. Successivamente, armati di pistola si facevano consegnare dagli esercenti l’incasso giornaliero. I due agivano senza alcuno scrupolo ed in una rapina a Calvizzano hanno pestato il benzinaio mentre era a terra. Adesso i due sono stati trasferiti a Poggioreale, in attesa del processo.