Salvatore Esposito cambia vita: cosa fa dopo la fine di Gomorra

Salvatore Esposito non vestirà più i panni di Genny Savastano. L’attore ha infatti deciso di cambiare vita e mettersi tutto alle spalle.

Salvatore Esposito
Salvatore Esposito pubblica il suo primo romanzo (foto Instagram @ghilardiriccardo)

Il grande pubblico lo ha conosciuto come Gennaro Savastano, temibile boss nella serie tv Gomorra. L’attore terminerà questo suo percorso nel mondo del crimine nel mese di novembre, quando uscirà l’ultima stagione della nota serie tv.

Leggi anche-> The Voice Senior 2, ci sarà un nuovo coach: nome amatissimo

Tuttavia i suoi appassionati potranno godersi la lettura del suo romanzo, intitolato Lo Sciamano. Il libro appartiene al genere thriller e rappresenta la passione dell’attore per la materia dell’esoterismo. Il protagonista, Christian Costa, dovrà risolvere alcuni casi di omicidio, con delle scoperte che coinvolgeranno anche il suo passato.

Salvatore Esposito, la nuova vitta da scrittore

Salvatore Esposito
Salvatore Esposito torna a vestire i panni di Genny Savastano per l’ultima volta

Raggiunto dal quotidiano Il Giornale, il 35enne racconta questi anni molto intensi: “È da quando faccio l’attore che scrivo storie. Per lo più facevo trasposizioni cinematografiche o televisive. Mentre giravo a Chicago la quarta stagione di Fargo, mi è venuta l’idea di scrivere questo racconto destinato principalmente alla tv. Poi però mi ha preso così tanto da spingermi a trasformarlo in un romanzo“.

Leggi anche-> Uomini e Donne, Maria De Filippi rivoluziona tutto: il cambio

L’uomo spiega anche i suoi progetti futuri, stilando un bilancio della sua carriera: “Dieci anni fa quando studiavo recitazione non mi sarei mai aspettato tutto questo successo. La realtà ha ampiamente superato tutti i miei sogni. Non credo però che essere attore porti automaticamente a diventare un regista. Devi avere una certa predisposizione e molto talento. Per adesso miglioro quello che so fare, poi si vedrà. Vorrei un giorno poter vestire i panni di un supereroe, che protegge i più deboli dai malfattori e dalle ingiustizie. Fin da ragazzo ho sempre protetto i più deboli e ho cercato di farlo nel migliore dei modi. Mi piacerebbe portare questa parte di me anche su un set, per poi tramutarla in un progetto concreto”.