È morto Charles Gordin, l’attore di King Kong aveva 86 anni

Addio a Charles Gordin, l’attore tra le tante pellicole aveva interpretato il padre di famiglia nei due film di Beethoven

Charles Gordin (screen YouTube)

Addio a Charles Gordin, l’attore americano che da poco aveva compiuto 86 anni in carriera è stato interprete in numerosi film di successo. A dare notizia della sua morte, avvenuta a Wilton nello Stato del Connecticut, è stata la famiglia e il particolare il figlio Nicholas. Le cause del decesso sono tutti riconducibili a un tumore al midollo spinale contro il quale l’uomo lottava da tempo. In carriera è stato Fred Wilson in King Kong nel 1976 e già quattro anni prima era stato sul set di un’altra pellicola di successo, Il rubacuori, nel ruolo di Lenny Cantrow. Due anni dopo lavorò anche in Il paradiso può attendere.

Quel film gli diede la popolarità ma l’esordio cinematografico avvenne molto prima, a 19 anni nel 1954. Ebbe un ruolo in Ventimila leghe sotto il mare, film di Richard Fleischer e prodotto da Walt Disney tratto dall’omonimo romanzo di Jules Verne.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mr Wrong, la nuova serie con Can Yaman: orario, trama e anticipazioni

Charles Gordin, quel ruolo rifiutato che andrò a Dustin Hoffman

Screen YouTube

La popolarità sarebbero però potuta avvenire già prima de Il rubacuori. Nel 1964 gli fu proposto il ruolo da protagonista nel film Il laureato: rifiutò e la parte passò a Dustin Hoffman. Come spesso è successo nella storia nel cinema, attori che hanno rifiutato alcune interpretazioni queste sono state poi grandi trampolini di lancio per gli altri.

Il suo volto divenne ancora più noto all’estero e a un pubblico più giovane quando nel 1992 interpretò George Newton, il perennemente nervoso padre di famiglia nel film Beethoven e nel sequel di qualche anno dopo. Nel 1994 era in My Summer Story poi ci furono ben tredici di pausa nei quali rimase lontano dal set per poi tornare in occasione della commedia di Jesse Peretz The Ex.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Franco Battiato, il ricordo di De Luca: “Grande uomo del Sud”

La famiglia ha fatto sapere che è morto serenamente e circondato dall’affetto dei suoi cari. Oltre al figlio lascia la moglie Elissa e una figlia avuta da un precedente matrimonio, Marion.