Santobono di Napoli, focolaio Covid in oncologia: infermieri contagiati

Santobono di Napoli, focolaio Covid: contagiati infermieri e operatori socio sanitari: la denuncia del sindacato

Santobono di napoli covid
Santobono di Napoli, si teme per il numero di casi Covid in reparto Oncologia (Getty Images)

“Siamo lontani dai 350 contagi giornalieri dei nostri infermieri dello scorso gennaio, ma sono circa 100 mediamente”, così Antonio De Palma, presidente Presidente Nazionale del Nursing Up, il sindacato di categoria.

C’è la denuncia di quattro infermieri e due operatori socio sanitari risultati positivi nel reparto di oncologia dell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli. De Palma invita a non abbassare la guardia e rifiuta le dichiarazioni ottimistiche e frettolose di qualche esponente politico che di recente aveva dichiarato che “il contagio degli infermieri sono un lontano ricordo”.

Il focolaio del Santobono è emerso da un sondaggio fatto dal sindacato. Gli infermieri non sono ancora fuori pericolo e “combattono come soldati ‘al fronte’ contro l’agguerrito virus”, ha proseguito De Palma nella sua denuncia pubblica. Il caso di Napoli avrebbe avuto origine da un bambino risultato positivo dopo uno stato febbrile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio Avellino, oggi l’interrogatorio dei due fidanzati

Santobono di Napoli, focolaio Covid: la denuncia del sindacato

Logo del sindacato Nursing Up (foto Facebook)

In timore è che il focolaio si possa diffondersi fortemente vista anche la fragilità dei pazienti. Dall’indagine del sindacato è emerso che a livello nazionale incrociando i dati dell’Istituto Superiore di Sanità con quelli dell’Inail è emerso che negli ultimi trenta giorni sono ben 3582 sono i lavoratori contagiati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Battipaglia, quattro clandestini scoperti a bordo di un camion

De Palma riporta anche i dati di un altro lavoro statistico dell’Inail secondo il quale l’85% degli operatori ammalati nel Sistema Sanitario Nazionale fa parte del corpo di infermieri. Infine fa un richiamo alla vaccinazioni, l’unico modo per raggiungere l’immunità di massa senza “banalizzare fatti di questo tipo che possono creare disinformazione”