Omicidio Avellino, oggi l’interrogatorio dei due fidanzati

Omicidio Avellino, oggi in carcere saranno interrogati la figlia di Aldo Gioia e il suo fidanzato, accusati dell’omicidio

omicidio avellino
Omicidio Avellino, oggi interrogatorio in carcere (Getty Images)

Si tiene oggi in carcere l’interrogatorio di garanzia dei due fidanzati accusati di aver ucciso il padre di lei, Giovanni Gioia. Nella stessa giornata il Pm titolare delle indagini conferirà l’incarico dell’autopsia sul corpo dell’uomo ucciso venerdì sera.

I due ragazzi rischiano l’ergastolo per l’accusa di concorso in omicidio, aggravato dalla premeditazione. Fin dal suo arresto sono arrivate le accuse da parte del ragazzo, Giovanni, di anni 23, che accusa lei, 18enne, di aver messo a punto il piano.

Il giovane ha svelato che il programma criminale prevedeva l’uccisione dell’intera famiglia, anche della madre e della sorella di lei. L’unico movente è perché si opponevano alla relazione amorosa dei due.

A mettere in allarme la moglie e l’altra figlia sono state le urla della vittima. A puntare il dito contro la ragazza è stata la mamma che nell’interrogatorio dopo i fatti ha detto come sono andate veramente le cose.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pontecagnano, ferisce la moglie e poi tenta il suicidio0

Omicidio Avellino, la famiglia nomina per la ragazza un avvocato di fiducia

Caserta rissa Pronto Soccorso
via web

Inizialmente si sospettava che ad uccidere con sette coltellate l’uomo fosse stato un rapinatore intrufolatosi in casa. Liana, la moglie della vittima, ha poi svelato tutto. La polizia si è poi recata a Cervinara, nella provincia irpina, a casa del ragazzo che vive con i genitori e un fratello.

Il 23enne ha raccontato come si sono svolti i fatti. Erano le 23 circa quando la fidanza, con la scusa di buttare i rifiuti, è uscita e ha lasciato la porta aperta, dandogli la possibilità di entrare e far scatenare la sua furia assassina sul padre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, folla in centro prima dell’addio alla zona arancione

La loro relazione non era ben vista proprio perché il ragazzo non godeva di buona stima essendo stato in passato protagonista di atti di violenza. La famiglia della vittima ha comunque nominato un avvocato di fiducia per la ragazza.