Omicidio Avellino, avvocato rinuncia all’incarico: la situazione

Clamorosa novità per quanto riguarda l’omicidio di Avellino. Infatti ci sarebbe la rinuncia del caso da parte dell’avvocato di Elena Gioia.

Avellino omicidio
L’avvocato rinuncia al caso (foto Facebook USPP Polizia Penitenziaria)

Arriva una clamorosa novità per quanto riguarda l’Omicidio che ha sconvolto Avellino. Infatti l’avvocato di Elena Gioia ha deciso di rinunciare al caso, togliendo momentaneamente la possibilità di difendersi alla ragazzina che ha ucciso suo padre Aldo. La 18enne attualmente è in stato di fermo insieme al fidanzato Giovanni Limata, di 23 anni. Entrambi, infatti sono accusati di omicidio aggravato dalla premeditazione del padre di lei.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Coprifuoco, De Luca attacca la Lega: “E’ una stupidaggine!”

Infatti Aldo Gioia avrebbe perso la vita proprio perchè si opponeva alla relazione tra i due. Il ragazzo di Elena, Giovanni Limata, aveva anche precedenti e veniva visto di cattivo occhio dalla famiglia Gioia per il suo costante utilizzo di droga. Nonostante l’efferato omicidio, la madre ha chiesto comunque all’avvocato Innocenzo Massaro di difenderla in tribunale. Ma alla fine Massaro ha deciso di rifiutare l’incarico.

Omicidio Avellino, l’avvocato Massaro rinuncia al caso: cosa succede

Avellino omicidio
Tutte l’indagine sul crimine nell’avellinese (via social)

Alla fine Innocenzo Massaro ha quindi deciso di rinunciare al caso, motivando il tutto come ‘scelta professionale‘. Quindi nonostante la volontà della madre, la ragazza dovrà affidarsi ad un altro avvocato di fiducia, per poi scegliere il suo difensore in Tribunale. In alternativa la ragazza potrebbe alla fine scegliere un avvocato d’ufficio. Oggi invece è in programma l’interrogatorio di convalida del fermo da parte del giudice per le indagini preliminari.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Brusciano, dramma in famiglia: uccide la sorella e chiama la polizia

Dopo lo sfogo della madre durante l’interrogatorio, Elena Gioia e Giovanni Limata hanno ammesso le loro colpe. Però proprio Limata avrebbe puntato il dito contro la ragazza, rivelando che sarebbe stata lei a pianificare l’omicidio. Al contrario, però, lo zio di Elena ha puntato il dito contro Giovanni, reo di aver plagiato e plasmato la ragazza. Il tutto mentre la madre della ragazza si è detta pronta a perdonarla. Vedremo quindi nei prossimi giorni come si svilupperà il processo per l’omicidio di Avellino.