Superlega, Ceferin attacca Real, Juventus e Barcellona: ‘Sono terrapiattisti’

Novità nella diatriba Superlega, con il Aleksander Ceferin che attacca Real Madrid, Juventus e Barcellona: le parole del presidente della UEFA.

SuperLega Ceferin
Il presidente Uefa attacca i tre club (Getty Images)

Aleksander Ceferin non usa mezzi termini ed attacca tre club affermando: “Real Madrid, Barcellona e Juventus sono terrapiattisti e credono che la SuperLega esista ancora“. Parole chiare del Presidente della UEFA prosegue con l’attacco mediatico ai tre club, che non hanno mai annunciato di essere usciti dalla competizione creata a tavolino.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Calciomercato Napoli, il dubbio Koulibaly: offerte da Barcellona e Premier

Il presidente della Uefa ha anche usato l’intervista al Daily Mail per elogiare l’intervento del Presidente britannico Boris Johnson, che si è subito mosso per l’uscita dei sei club inglesi dall’iniziativa. Infatti Ceferin ha confermato che riserverà un trattamento speciale ai club inglesi. Situazione differente invece per Milan, Inter ed Atletico, che sono uscite dopo. Il patron Uefa non le manda a dire ed afferma: “Ognuno sarà ritenuto responsabile. Vedremo in che modo“.

Superlega, Ceferin: “C’è differenza tra i club inglesi e le altre società”

SuperLega Uefa Champions League
Le parole del presidente Uefa (Getty Images)

L’edizione attuale delle competizioni Uefa non saranno intaccate, ma Ceferin afferma comunque che ci sarà differenza di trattamento specialmente per quanto riguarda i sei club inglesi. In merito il presidente del calcio europeo ha affermato: “Si sono ritirati per primi, hanno ammesso di aver commesso un errore. Bisogna essere speciali per dire ‘Ho sbagiato’ “. Poi sempre Aleksander Ceferin ha ricordato che c’è differenza tra queste 12 società.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Calciomercato Napoli, Gattuso confessa: annuncio definitivo sul futuro

Per il presidente Uefa si possono dividere in tre gruppi: i 6 club inglesi che sono usciti per primi, poi altri 3 (Atletico Madrid, Inter e Milan) e poi i 3 che ancora devono uscire dalla Superlega. Infine Ceferin ha affermato che ad oggi non vuole parlare ancora di sanzioni disciplinari, ma ognuno dovrà essere giudicato responsabile in maniera diversa. Solo nei prossimi mesi vedremo se la Uefa prenderà i provvedimenti contro i club della Superlega.