Iva Zanicchi, lacrime di sofferenza: cosa le è successo

Iva Zanicchi racconta la sua sofferenza per la recente scomparsa di un’amica e collega. Rivelando anche alcuni dettagli di questo speciale rapporto.

Iva Zanicchi
La Zanicchi parla del suo rapporto personale con Milva (Getty Images)

La scomparsa di Milva ha addolorato profondamente il mondo degli artisti. Una di queste è Iva Zanicchi, che all’Adnkronos ripercorre aneddoti della sua vita, che coinvolgono la famosa cantante originaria di Goro.

Leggi anche-> È morta Milva, addio alla Pantera di Goro: aveva 81 anni

La voce di “Zingara” rivela di aver appreso della scomparsa da una chiamata di un suo amico autore. E non nasconde il suo dolore, tanto che nel corso dell’intervista ha nascosto a fatica le lacrime. Alcuni episodi svelano quanto il legame con la sua collega sia stato molto intenso e profondo.

Iva Zanicchi racconta Milva

Un episodio recente riguarda il ricovero della Zanicchi in ospedale a causa del Covid. Quest’ultima racconta di aver ricevuto molti messaggi proprio da Milva, che l’hanno confortata ed aiutata ad andare avanti. “Se ne va una delle poche persone che potevo considerre amiche” ha aggiunto.

E rivela anche un singolare retroscena riguardante sua madre. Nonostante entrambe cantassero, con un enorme successo riscosso nei confronti del pubblico, il genitore preferiva la rossa di Goro alla propria figlia. Quest’ultima le riconsce che “aveva una presenza scenica ed una voce unica, irripetibile”.

Polemiche per l’abbandono negli ultimi anni

Iva Zanicchi
Per la cantante Milva meritava è stata dimenticata negli ultimi anni di vita (Getty Images)

Insieme a Mina, ricevettero tre soprannomi distintivi negli anni 60: rispettivamente la Tigre di Cremona, la pantera di Goro e l’aquila di Ligonchio. Ma se per la prima non si sa quale fu l’impatto, è la stessa opinionista de “L’Isola dei Famosi” a criticare gli altri due: “Io e Milva non li abbiamo mai sopportati. Abbiamo imparato a conviverci ma non è che impazzivamo per questi nomignoli”.

Leggi anche-> Crozza, fallimento inaspettato: il motivo è uno solo

Sul finire dell’intervista la cantante critica l’atteggiamento di abbandono rivolto dal mondo dello spettacolo nei confronti della collega scomparsa. “Meritava molto di più, era conosciuta in Germania ed in Giappone. Il premio di Sanremo le fu dato solo dopo parecchie pressioni da parte di colleghi ed opinione pubblica”.