Covid, bloccata la Roma-Napoli: seconda protesta in una settimana

Covid, bloccata l’autostrada Roma-Napoli con i camion: manifestazione dei marcatari all’altezza di Caserta

Covid autostrada
Autostrada bloccata per le proteste dei commercianti (Foto Twitter)

Ancora un protesta contro le restrizioni che blocca l’autostrada. Come una settimana fa la Roma-Napoli ancora teatro di mobilitazioni. Questa mattina gli ambulanti che aderiscono alla sigla sindacale Ana-Ugl con i propri furgoni hanno percorso il tratto d’autostrada da Caserta Sud a passo d’uomo. Un lungo e lento corteo per esprimere il disagio legate alle difficoltà cause chiusure Covid.

La protesta non ha riguardato solo quel pezzo di strada. I manifestanti sono partiti da varie parti della regione, dal Napoletano al Salernitano, imboccando insieme gli svincoli a bassissima velocità. I vertici dei sindacati fanno sapere che la protesta non è legata solo alla zona rossa che forse terminerà la settimana prossima in Campania.

Ciò che si chiedere è la modifica alla norma che prevede il divieto di attività agli ambulanti non di generi alimentari, se sottoposti alla zona rossa, che in Campania è in corso da sei settimane e che sta mettendo a durissima prova i settori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccini Campania, De Luca stronca Figliuolo: “Non procederemo per età”

Covid, Autostrada bloccata: manifestanti chiedo di tornare a lavorare

Screen YouTube

Peppe Magliocca del sindacato ha parlato a nome dei manifestanti come riporta l’Ansa. Ha sottolineato che rispetto alla settimana scorsa nulla è cambiato dopo l’incontro avuto con il vice ministro dello sviluppo economico Gilberto Pichetto Fratin.

La tensione è sempre più palpabile dopo un anno di restrizioni con conseguente crisi economica. Ieri a Roma si sono registrati degli scontri tra i commercianti aderenti alla campagna #IoApro e le forze dell’ordine davanti al Parlamento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Roma, scontri tra polizia e manifestanti del movimento “IoApro”

La capitale è stata raggiunta da ogni parte d’Italia e sono state identificate delle persone che hanno provato a rompere il cordone delle forze dell’ordine. I manifestati hanno chiesto di riaprire in sicurezza come altri settori a cui è consentito svolgere le attività.