Regioni, cambiano colore Sardegna e Molise. Campania resta rossa

Continua il monitoraggio delle Regioni da parte dell’ISS. Attesi cambi di colore per la Sardegna e il Molise, mentre la Campania rimane in zona rossa.

Regioni
Continua il monitoraggio settimanale dell’ISS (Photo by Gianluca Panella/Getty Images)

Anche per questa settimana prosegue il monitoraggio delle varie Regioni per quanto riguarda la situazione epidemiologica. Il ministro Speranza firmerà un nuovo decreto, che entrerà in vigore dal prossimo lunedì 22 marzo.

Leggi anche-> Coronavirus, il bollettino di oggi 19 marzo: 25.735 nuovi casi e 386 morti

Si continua a registrare un livello di rischio alto, in particolare in dieci Regioni. Altre 11, invece, presentano un rischio moderato secondo quanto stilato dalla bozza presentata dall’Istituto Superiore di Sanità.

Regioni, molti cambi di colore e indici Rt ancora alti

Permangono alti indici Rt, con sedici Regioni che presentano un valore superiore ad uno. Tra queste la Campania ha un valore pari a 1,5 e per questo rimarrà ancora zona rossa, in uno scenario di tipo 4. Piemonte FVG presentano uno scenario di tipo 3 con Rt pari a 1,25.

Leggi anche-> Campania, De Luca: “Situazione delicata, indice Rt molto alto”

Dodici rientrano nello scenario di tipo 2 con indici relativi allo stesso. Solo due invece rientrano nello scenario di tipo uno. Nel frattempo, SardegnaMolise diventeranno arancioni a partire dal prossimo 22 marzo.

Si richiede maggiore cautela ed attenzione

Regioni
La necessità è quella di evitare pressioni sugli ospedali (Photo by Stefano Guidi/Getty Images)

L’ISS richiama alla massima cautela e al rispetto delle normative sulla prevenzione. Il tutto per evitare di sovraccaricare ulteriormente le strutture ospedaliere ed evitare ulteriori trasmissioni del virus. Si richiedono inoltre puntuali interventi di mitigazione nelle aree maggiormente a rischio.

Aumenta intanto il tasso di persone ricoverate, che arriva alla soglia critica del 40%. Sono passate da circa 22 mila a più di 26mila nel giro di una settimana. L’indice nazionale di trasmissibilità è stabile ad 1,16. Per questo è necessario limitare i contatti e le interazioni, per evitare un’ulteriore diffusione delle varianti. Che possono mettere a repentaglio gli sforzi fatti finora.